“Artico. La battaglia per il Grande Nord” di Marzio G. Mian
- 24 Aprile 2018

“Artico. La battaglia per il Grande Nord” di Marzio G. Mian

Scritto da Luca Mazzali

11 minuti di lettura

Pagina 5 – Torna all’inizio

Conclusioni

Il periplo artico di Mian si conclude in Groenlandia, la grande isola dalla quale era cominciata la narrazione del volume. L’autore dedica le ultime pagine del libro ad una piaga che sta affliggendo le giovani generazioni inuit: i suicidi. Le popolazioni indigene dell’Artico hanno i tassi di suicidio più alti del mondo e le cause potrebbero essere individuate nel forte senso di straniamento e di inadeguatezza che le comunità indigene provano da quando la globalizzazione ha raggiunto le loro isolate comunità. Nel mondo globalizzato non c’è posto per i loro costumi e ritmi di vita. Ad esempio, la loro dieta, plasmata da millenni di vita tra i ghiacci polari, agli occhi delle organizzazioni animaliste ed ambientaliste è qualcosa di abominevole e da cambiare al più presto.

Artico

Circolo Polare Artico presso Egvenikot, Chukotka, Russia.

L’Artico, che per molti secoli è stato utilizzato come uno spauracchio, un mondo primordiale e fuori dal tempo in contrapposizione con il Sud civilizzato, è oggi invece una regione del globo entrata prepotentemente nel corso della storia al punto di divenire cruciale per quella ventura. Alcune delle nazioni che si affacciano su di esso, in particolare quelle scandinave, sono tra le più prospere ed avanzate al mondo. Esse comunicano innovazione, giustizia sociale e di genere, avanguardia culturale e valori vincenti, ad un punto tale che la regione scandinava dà la linea in numerosi settori di punta, dall’export petroliferi al design di alta qualità. La Scandinavia e in generale le regioni artiche e subartiche «saranno sempre più centrali nella narrazione della storia umana, è quindi importante conoscerle oltre gli stereotipi e le mode. Soprattutto, è necessario indagare sul campo quel che accade lassù per prendere le misure del mondo che verrà».

Ed è proprio questo che Mian ha fatto nell’ultimo decennio, raccogliendo le testimonianze di chi nell’Artico ci vive o vi si trova, riportando numeri e dati riguardanti attori in campo e forze da essi dispiegate a difesa dei loro interessi e delle loro attività. Artico è la cronaca di tutto ciò.

Torna all’inizio


Vuoi aderire alla nuova campagna di abbonamento di Pandora? Tutte le informazioni qui 

Scritto da
Luca Mazzali

Nato nel 1992, di Reggio Emilia. Aspirante cartografo, appassionato di geopolitica, urbanistica e storia contemporanea. Ha svolto il suo percorso universitario a Milano: laurea triennale in Geografia alla Statale e magistrale in Urban Planning & Policy Design presso il Politecnico. Segue con particolare interesse gli eventi, politici e non, che accadono a est di Beirut e ad ovest di Lahore.

Pandora Rivista esiste grazie a te. Sostienila

Se pensi che questo e altri articoli di Pandora Rivista affrontino argomenti interessanti e propongano approfondimenti di qualità, forse potresti pensare di sostenere il nostro progetto, che esiste grazie ai suoi lettori e ai giovani redattori che lo animano. Il modo più semplice è abbonarsi alla rivista cartacea e ai contenuti online Pandora+, ma puoi anche fare una donazione a supporto del progetto. Grazie!

Abbonati ora

Seguici

www.pandorarivista.it si avvale dell'utilizzo di alcuni cookie per offrirti un'esperienza di navigazione migliore se vuoi saperne di più clicca qui [cliccando fuori da questo banner acconsenti all'uso dei cookie]