“L’età del disordine. Storia del mondo attuale” di Detti e Gozzini

Tommaso Detti e Giovanni Gozzini, L'età del disordine.

Recensione a: Tommaso Detti e Giovanni Gozzini, L’età del disordine. Storia del mondo attuale 1968-2017, Laterza, Roma-Bari 2018, pp. 228, 20 euro (scheda libro).


«Dopo una breve ed effimera stagione di entusiasmi, la globalizzazione è divenuta per molti l’incubo dei nostri tempi. Robot che sostituiscono operai, stabilimenti che si trasferiscono in Serbia o in Cina, crisi finanziarie a ripetizione, ondate di immigrati che affluiscono alle frontiere, attentati terroristici. Il mondo si è messo in movimento a una velocità che non riusciamo a comprendere e si moltiplicano le reazioni di “agorafobia”: di fuga in beni-rifugio che ripudiano la realtà, quali le piccole patrie nazionaliste o gli integralismi religiosi».

La fotografia del presente che gli storici Tommaso Detti e Giovanni Gozzini offrono al lettore come incipit della loro ultima opera, L’età del disordine. Storia del mondo attuale 1968-2017 (Laterza 2018), descrive con lucidità la crisi non solo economica ma anche, e soprattutto, socio-culturale degli ultimi anni. La mancanza di coordinate per orientarsi nel grande disordine globale ha generato un senso di smarrimento che presto si è trasformato in paura: come scrive Zygmunt Bauman, nella staffetta della storia l’epidemia globale di nostalgia ha raccolto il testimone della precedente epidemia della smania per il progresso. Il futuro non si presenta più come fonte di speranza, ma di angoscia.

Gli autori con questo ambizioso volume indagano gli ultimi cinquant’anni di storia nel tentativo di trovare un ordine, una spiegazione razionale del perché siamo arrivati a questo punto. In particolare, i due storici si focalizzano sul quinquennio 1968-1973, epicentro dei maggiori stravolgimenti economici e culturali senza i quali risulta impossibile comprendere il presente.

Continua a leggere – Pagina seguente


Indice dell’articolo

Pagina corrente: L’età del disordine

Pagina 2: Gli stravolgimenti economici e culturali

Pagina 3: Il potere mondiale


Vuoi aderire alla nuova campagna di abbonamento di Pandora? Tutte le informazioni qui

Classe 1997, di Udine. Studia giurisprudenza presso l'Università degli studi di Trieste. Su Pandora scrive soprattutto di teoria politica e trasformazioni socioeconomiche, con particolare attenzione alle anomalie del capitalismo contemporaneo, all’impatto delle tecnologie nel mondo del lavoro e nella società e ai problemi socioculturali della globalizzazione.

Comments are closed.