Le tante crisi dell’UE e il rischio di un effetto domino
- 23 Maggio 2016

Le tante crisi dell’UE e il rischio di un effetto domino

Scritto da Andrea Betti e Jacopo Timini

6 minuti di lettura

Pagina 3 – Torna all’inizio

Conclusioni

I problemi della UE hanno a che vedere soprattutto con la propria struttura istituzionale. Tuttavia, a questo punto della crisi, i livelli di tensione inter-istituzionale fra stati membri fanno apparire una riforma dei trattati tanto impossibile quanto necessaria. Ciò nonostante, il Ministero di Economia e Finanza italiano, in un documento ufficiale pubblicato nel febbraio del 2016 ma poco considerato dai media, ha elencato una serie esaustiva di possibili riforme che includono: una politica fiscale che lasci spazio ad una relativa flessibilità per fomentare la crescita; il sostegno agli investimenti a livello europeo; il completamento dell’Unione Bancaria; il consolidamento del mercato comune; un sistema di assicurazione europeo contro la disoccupazione; e una gestione comune della crisi dei rifugiati. Tali misure possono essere di grande utilità non solo economica, ma anche politica, soprattutto se avessero lo scopo di identificare il momento più propizio per la convocazione di una conferenza intergovernativa che permetta una revisione dei trattati e un chiarimento sulla natura istituzionale della UE.

Se la UE non sceglie il proprio cammino e continua ad essere una somma di stati con differenti visioni, difficilmente sarà capace di elaborare strategie politiche che possano risultare efficaci e legittime. La incertezza sul futuro istituzionale incentiva i vari attori coinvolti a voler massimizzare i propri benefici e minimizzare i propri costi in termini statici – vale a dire nel presente – e non invece in termini dinamici – che implicherebbe maggiore considerazione per le situazioni e problemi futuri. Come ben spiegato nel 2005 da Margot Walström – all’epoca Vice Presidente della Commissione Europea – la UE deve chiedersi cosa è realmente e avere un’idea più chiara di cosa vuole essere nel futuro. Questo significa adottare una visione olistica dei problemi, affinché risultino evidenti i legami fra essi, e che possa fornirci gli strumenti intellettuali per disegnare un contesto istituzionale adeguato, una strategia di lungo periodo, e politiche pubbliche al passo con una realtà in costante cambiamento. Solo così la UE potrà tornare ad essere vista come uno spazio comune, avere un ruolo rilevante nella politica internazionale e riavvicinarsi ai propri cittadini.


Vuoi aderire alla nuova campagna di abbonamento di Pandora per i numeri 4,5 e 6? Tutte le informazioni qui

Scritto da
Andrea Betti e Jacopo Timini

Andrea Betti si é dottorato in Relazioni Internazionali presso l’Universitá degli Studi di Trento studiando la relazione fra diritto internazionale e politica di potenza. Ha lavorato come ricercatore e docente in varie istituzioni universitarie negli Stati Uniti, Regno Unito, Spagna e Latinoamerica. Da anni risiede a Madrid dove collabora con vari media e blog su tematiche politiche europee ed internazionali. Jacopo Timini Attualmente lavora come Marie-Curie Research Fellow presso l’Università Carlos III di Madrid (UC3M). E’ dottorando in Storia Economica (UC3M), con una tesi sulle unioni monetarie e i loro effetti sul commercio e i mercati internazionali. Si è laureato in Economia all’Università di Venezia Ca’ Foscari nel 2011, ed ha ottenuto un M.A. in European Economic Affairs al Collegio d’Europa di Bruges nel 2012. Ha lavorato a Bruxelles due anni, alla Commissione Europea e al Centre for European Policy Studies (CEPS), dove ha pubblicato studi sul commercio internazionale ed il mercato interno.

Pandora Rivista esiste grazie a te. Sostienila

Se pensi che questo e altri articoli di Pandora Rivista affrontino argomenti interessanti e propongano approfondimenti di qualità, forse potresti pensare di sostenere il nostro progetto, che esiste grazie ai suoi lettori e ai giovani redattori che lo animano. Il modo più semplice è abbonarsi alla rivista cartacea e ai contenuti online Pandora+, ma puoi anche fare una donazione a supporto del progetto. Grazie!

Abbonati ora

Seguici