Oltre i voucher? Note su uno strumento inadeguato
- 27 Marzo 2017

Oltre i voucher? Note su uno strumento inadeguato

Scritto da Enrico Cerrini

5 minuti di lettura

Lo strumento dei voucher fu introdotto della Legge Biagi nel 2003 con lo scopo di far emergere quei lavoretti domestici svolti in modo discontinuo da persone a rischio di esclusione sociale o inattive sul mercato del lavoro. I cittadini avevano l’opportunità di utilizzare tagliandi dal valore di 7,5 €, di cui una parte finanziava minime tutele lavorative, per retribuire rapporti lavorativi accessori di una durata inferiore ai trenta giorni ed una remunerazione minore di 3.000,00 €.

Lo strumento rimase inapplicato fino al 2008, anno in cui iniziarono gli interventi di liberalizzazione. Il governo Prodi concesse l’utilizzo alle aziende agricole, eliminò il vincolo temporale e allargò quello economico. Il valore del singolo tagliando crebbe fino a 10 €, di cui 7,5 € rappresentavano la retribuzione della prestazione, 1,30 € la contribuzione, 0,70 € la copertura degli infortuni sul lavoro e 0,50 € il costo di gestione del servizio da parte dell’ente concessionario, ovvero l’INPS. Tutti i governi successivi hanno apportato ulteriori modifiche che hanno lentamente causato l’esplosione dell’utilizzo dei voucher, avvenuta nel 2015.

Continua a leggere – Pagina seguente


Indice dell’articolo

Pagina corrente: Introduzione

Pagina 2: La situazione attuale dei voucher

Pagina 3: Il problema del lavoro nero


Vuoi aderire alla nuova campagna di abbonamento di Pandora per i numeri 4,5 e 6? Tutte le informazioni qui

Scritto da
Enrico Cerrini

Ha studiato Scienze Economiche all’Università di Pisa e all’Università di Graz e ha conseguito il dottorato in Economia Politica all'Università di Siena.

Pandora Rivista esiste grazie a te. Sostienila

Se pensi che questo e altri articoli di Pandora Rivista affrontino argomenti interessanti e propongano approfondimenti di qualità, forse potresti pensare di sostenere il nostro progetto, che esiste grazie ai suoi lettori e ai giovani redattori che lo animano. Il modo più semplice è abbonarsi alla rivista cartacea e ai contenuti online Pandora+, ma puoi anche fare una donazione a supporto del progetto. Grazie!

Abbonati ora

Seguici

www.pandorarivista.it si avvale dell'utilizzo di alcuni cookie per offrirti un'esperienza di navigazione migliore se vuoi saperne di più clicca qui [cliccando fuori da questo banner acconsenti all'uso dei cookie]