Perché i mercati sono crollati?

Mercati

A partire dal 26 gennaio si sono susseguiti diversi giorni di borsa negativa con perdite cospicue sui mercati. Sebbene i principali movimenti di borsa si siano registrati sull’azionario, sono stati coinvolti anche i tassi, le valute ed alcune materie prime. Per quanto i movimenti di borsa possano non essere completamente coerenti, questo articolo tenta di spiegare i motivi del recente crollo ed i possibili scenari futuri.

Le recenti giornate di borsa negativa sono state particolarmente impressionanti anche perché era da tempo che gli operatori non erano più abituati a fluttuazioni simili. L’andamento borsistico degli ultimi anni risulta infatti estremamente tranquillo rispetto a periodi storici precedenti. Il fattore che ha causato tale riduzione di volatilità (che in gergo tecnico vuole semplicemente dire forti fluttuazioni) è stato l’intervento delle banche centrali. A seguito della crisi del 2008 le banche centrali dei principali paesi sviluppati, ed in particolare la FED, sono state impegnate in interventi a supporto dell’economia di ampiezza impressionante. Dapprima i tassi di interesse sono stati ridotti fino in alcuni casi a raggiungere livelli minori di zero ed in seguito, una volta raggiunti tali livelli minimi, il sostegno è continuato con politiche monetarie così dette non convenzionali consistenti nell’ampliamento della base monetaria tramite la creazione di nuovo denaro.

In seguito alla crisi il bilancio della FED è passato da 925 miliardi a più di 4.500[1] e quello della BCE è anch’esso incrementato da 1.500 a 3.500[2] miliardi. Questo denaro è stato riversato nei mercati finanziari nella speranza che, tramite un meccanismo di osmosi e vasi comunicanti, raggiungesse anche l’economia reale. Se da un lato parte di questo denaro ha certamente raggiunto e dato sostegno all’economia reale, d’altra parte ha anche contribuito ad un andamento dei mercati anomalo in senso positivo che ha infine alimentato quella che ormai molti ritengono essere una bolla.

Continua a leggere – Pagina seguente


Indice dell’articolo

Pagina corrente: le cause dell’attuale crisi di borsa?

Pagina 2: Determinanti storiche

Pagina 3: Analisi dei movimenti dei mercati

Pagina 4: Possibili prospettive future


Vuoi aderire alla nuova campagna di abbonamento di Pandora per i numeri 4,5 e 6? Tutte le informazioni qui

Nato nel 1991, ha conseguito la maturità presso il liceo scientifico Augusto Righi di Bologna, quindi la laurea triennale in Economia e Finanza e la magistrale in Finanza Intermediari e Mercati presso l’Università di Bologna. Durante il periodo universitario ha fatto parte del Collegio Superiore dell’Università di Bologna. Ha collaborato con la rivista elettronica Il Chiasmo e ho svolto stage presso l’azienda bolognese Prometeia e in Banca di Bologna.

Comments are closed.