Lavoro: ridurre l’orario, utopia o necessità?

lavoro

La crisi che ha coinvolto i maggiori paesi sviluppati e il loro mercato del lavoro a partire dal 2008, come è stato osservato da più parti, è una crisi strutturale e di sistema: il sistema economico capitalistico, che per oltre 60 anni ha garantito un progressivo miglioramento delle condizioni di vita per la maggior parte dei cittadini, sembra essersi bloccato.

Come molti osservatori hanno commentato, quella attuale è innanzi tutto una crisi di domanda: non c’è domanda sufficiente di merci o servizi, quindi le imprese non investono e non assumono; se gli individui non lavorano, non possono acquistare, ed il sistema è entrato in una fase di stallo.

Di fatto, nessuno è stato in grado di identificare soluzioni concrete: una forte politica keynesiana di aumento della spesa pubblica, che nelle crisi del passato ha funzionato efficacemente nel far ripartire il “volano” dell’economia, è infatti resa impossibile dall’elevato debito di molti stati nazionali.

Continua a leggere – Pagina seguente


Indice dell’articolo

Pagina corrente: Introduzione

Pagina 2: La fine del lavoro?

Pagina 3: Conclusioni


Vuoi aderire alla nuova campagna di abbonamento di Pandora per i numeri 4,5 e 6? Tutte le informazioni qui

Laureato in Ingegneria Elettronica con specializzazione in Economia d'Impresa presso L'Università La Sapienza, di Roma, Master in Business Administration alla Bologna Business School, è un manager con esperienza internazionale ed autore di libri di divulgazione manageriale.

Comments are closed.