Lavoro: ridurre l’orario, utopia o necessità?
- 05 Marzo 2017

Lavoro: ridurre l’orario, utopia o necessità?

Scritto da Enrico Traino

6 minuti di lettura

Pagina 3 – Torna all’inizio

Conclusioni sul tema del lavoro

Poiché nel futuro ci sarà bisogno di sempre meno lavoro a parità di output, è utopistico sperare che i lavoratori espulsi dal sistema possano essere rioccupati esclusivamente grazie agli “animal spirits” del mercato; è necessaria  invece una forte presa di coscienza dei decisori politici per l’attuazione di politiche che tassino i profitti ad oggi monopolizzati dalle grandi aziende e li reinvestano per compensare la riduzione degli orari lavorativi, promuovendo così la ripartizione del fabbisogno di lavoro su più individui a costi costanti o decrescenti per le imprese, il che costituirebbe un fattore di incremento della competitività a favore della manodopera interna.


Bibliografia

“Addio al lavoro? Le trasformazioni e la centralità del lavoro nella globalizzazione”, Ricardo Antunes, Edizioni Ca’ Foscari Digital Publishing 2015.

“Reforming Taxation to Promote Growth and Equity”. Roosvelt institute, White Paper by Joseph E. Stiglitz, May 28, 2014.

“The End of Work: the decline of the global labor force and the dawn of the post-market era”, Jeremy Rifkin, New York, N.Y.: G.P. Putnam’s Sons. 1995.

“The Second Machine Age. Work, Progress, and Prosperity in a Time of Brilliant Technologie”, Erik Brynjolfsson and Andrew McAfee, Norton&Co, 2014.


Vuoi aderire alla nuova campagna di abbonamento di Pandora per i numeri 4,5 e 6? Tutte le informazioni qui

Scritto da
Enrico Traino

Laureato in Ingegneria Elettronica con specializzazione in Economia d'Impresa presso L'Università La Sapienza, di Roma, Master in Business Administration alla Bologna Business School, è un manager con esperienza internazionale ed autore di libri di divulgazione manageriale.

Pandora Rivista esiste grazie a te. Sostienila

Se pensi che questo e altri articoli di Pandora Rivista affrontino argomenti interessanti e propongano approfondimenti di qualità, forse potresti pensare di sostenere il nostro progetto, che esiste grazie ai suoi lettori e ai giovani redattori che lo animano. Il modo più semplice è abbonarsi alla rivista cartacea e ai contenuti online Pandora+, ma puoi anche fare una donazione a supporto del progetto. Grazie!

Abbonati ora

Seguici

www.pandorarivista.it si avvale dell'utilizzo di alcuni cookie per offrirti un'esperienza di navigazione migliore se vuoi saperne di più clicca qui [cliccando fuori da questo banner acconsenti all'uso dei cookie]