Rischi e opportunità del salario minimo
- 14 Maggio 2019

Rischi e opportunità del salario minimo

Scritto da Lorenzo Cattani

6 minuti di lettura

Di recente si è sviluppata nel nostro Paese una discussione sul tema del salario minimo, anche con proposte parlamentari che andavano in questa direzione.

La proposta, tuttavia, non ha mai raccolto consensi unanimi. Una delle critiche a cui viene sottoposto il provvedimento è relativa al suo potenziale impatto negativo sull’occupazione e al possibile contributo all’aumento del costo del lavoro. La misura non è però criticata solo dal mondo imprenditoriale, ma spesso anche dai sindacati. In questo senso l’Italia non è un’eccezione: il segretario della CGIL Maurizio Landini si è detto contrario al suo inserimento.

Occorre dunque comprendere le ragioni di queste critiche e valutare, più in generale, se l’adozione del salario minimo possa essere una scelta adeguata per un paese come l’Italia. A questo fine può essere molto utile adottare una prospettiva comparata. Dal momento che questo istituto è stato adottato in alcuni paesi e non in altri, può essere utile capirne il perché.

Da un’analisi iniziale emerge subito che fra le economie avanzate dell’Europa Occidentale in cui non è stato introdotto un salario minimo legale vi sono cinque assenze che saltano all’occhio: Italia, Austria, Danimarca, Svezia, Finlandia e Norvegia. Questo sembrerebbe fornire un argomento ai detrattori del salario minimo: se i paesi scandinavi, noti a tutti per il loro alto livello di benessere e per il loro modello di sviluppo inclusivo non hanno adottato il salario minimo ciò significherebbe che l’adozione di un simile strumento potrebbe rivelarsi dannosa per i lavoratori. Un’argomentazione simile è vera soltanto in parte e solo se in relazione a determinati “regimi di produzione”.

Continua a leggere – Pagina seguente


Indice dell’articolo

Pagina corrente: Il salario minimo in chiave comparata

Pagina 2: Il salario minimo e i modelli di capitalismo

Pagina 3: E l’Italia?


Vuoi aderire alla nuova campagna di abbonamento di Pandora? Tutte le informazioni qui

Scritto da
Lorenzo Cattani

Laureato magistrale in Scienze Internazionali e Diplomatiche presso l'Università di Bologna con una tesi su "Globalizzazione e varietà di capitalismo: processi di specializzazione istituzionale in Regno Unito e Germania". Attualmente è dottorando in Sociologia e Ricerca Sociale presso la stessa università. Ha frequentato un Master in Human Resources and Organization presso la Bologna Business School.

Pandora di carta

Seguici

www.pandorarivista.it si avvale dell'utilizzo di alcuni cookie per offrirti un'esperienza di navigazione migliore se vuoi saperne di più clicca qui [cliccando fuori da questo banner acconsenti all'uso dei cookie]