Rouhani: desideri e paure di un Iran nuovo
- 26 Maggio 2017

Rouhani: desideri e paure di un Iran nuovo

Scritto da Gabriele Sirtori

7 minuti di lettura

Pagina 3 – Torna all’inizio

Rouhani e gli scenari futuri per l’Iran

La cosa che più di tutte ha colpito in queste elezioni è stata la grande affluenza alle urne. Le procedure di voto in Iran sono molto lunghe comparate ad altri paesi, la coda per andare a votare in città come Tehran ha spesso superato le 4 ore. Nonostante questo, il 73% degli iraniani ha votato e grande è stata anche l’affluenza dall’estero. La chiusura delle urne è stata posticipata di 6 ore e i voti giunti dagli Stati Uniti sono stati quasi 30’000 contro i circa 6’500 del 2013[10].

“È segno di un Paese che si sta normalizzando” mi spiega Farahmand Alipour, giornalista iraniano legato al movimento verde di Karroubi, ora rifugiato politico in Italia. “Il regime islamico è ancora giovane, ha solo 40 anni ed è naturale che ci siano ancora delle posizioni radicali e ultra-conservatrici legate ai temi in campo durante gli anni della Rivoluzione. I tempi però stanno cambiando. Molti sono i giovani che con questi atteggiamenti non hanno più nulla a che fare, che danno per scontata l’esistenza di questo regime. Molti sono i politici che hanno abbandonato posizioni più ideologizzate per passare nel campo dei riformisti. Anche sul piano estero la Repubblica Islamica non è più un attore isolato. La lotta per il progresso della Nazione e per i diritti civili oggi si fa all’interno delle istituzioni di questo regime, con le elezioni e votando per i più riformisti. Il sistema in Iran non è così antidemocratico come dicono.”

Quello che ci si aspetta di vedere nei prossimi 4 anni è quindi un governo sotto il segno della moderazione dei toni, di una politica meno idealista e più legata alla real Politik. “Tecnocrati col turbante” è stata definita la nuova classe dirigente iraniana, sempre meno legata al radicalismo islamico, e più interessata allo sviluppo e all’apertura dell’economia del Paese.

Criticando i legami tra esercito, religione e potere politico ancora in atto, Rouhani ha detto, chiudendo il suo discorso:

“Non abbiamo nulla contro i soldati, non abbiamo nulla contro l’esercito, ma ognuno stia al suo posto[11] e poco dopo ha aggiunto “Noi dall’Imam Reza ci andiamo per chiedere guarigioni, non per vincere le elezioni[12]”.


[1]Fonte: https://en.wikipedia.org/wiki/Astan_Quds_Razavi. In uno studio del 2004 la Hoover Institution stimava il valore del suo patrimonio in 15mld$ http://www.hoover.org/research/order-out-chaos

[2]La fondazione pia, di proprietà per il 51% dello Stato, è anche uno strumento di politica estera. Lo studio della Hoover Institution sopra citato la riporta come un possibile strumento usato per gestire i rapporti economi con l’Afghanistan.

[3]https://en.wikipedia.org/wiki/Iranian_presidential_election,_2017

[4]Video, min. 0:09

[5]Video, min. 0:32

[6]Citando questo avvenimento Rouhani strizza l’occhio al discorso nazionalista iraniano, ancora molto sentito.  I nazionalisti vedono il passato preislamico, l’epoca di Dario e Serse in particolare, come il momento di maggior sviluppo e prestigio mondiale per l’Iran, annullato da una pausa di secoli di oscurantismo islamico, da cui lo Stato lentamente si sta risollevando. Vedi: M. Tavakoli-Targhi, Refashioning Iran, 2001.

[7]Pejman Abdolmohammadi, The Revival of Nationalism and Secularism in Modern Iran, LSE Middle East Centre Paper Series, nov 2015

[8]Fonte: ministero dell’istruzione iraniano. http://www.payvand.com/news/

[9]Video, minuto 1:20

[10]http://www.eghtesadnews.com/

[11]Video, minuto 2:02

[12]Video, minuto 2:56


Vuoi aderire alla nuova campagna di abbonamento di Pandora per i numeri 4,5 e 6? Tutte le informazioni qui

Scritto da
Gabriele Sirtori

Nato a Lecco nel 1996, studente di arabo e persiano, ha passato gli ultimi 3 anni tra Iran, Egitto, Libano, Kurdistan (iraniano) e il Veneto. Ha seguito corsi presso l'Università Ferdowsi di Mashhad, Iran. È studente del terzo anno presso l'Università Ca Foscari di Venezia.

Pandora Rivista esiste grazie a te. Sostienila

Se pensi che questo e altri articoli di Pandora Rivista affrontino argomenti interessanti e propongano approfondimenti di qualità, forse potresti pensare di sostenere il nostro progetto, che esiste grazie ai suoi lettori e ai giovani redattori che lo animano. Il modo più semplice è abbonarsi alla rivista cartacea e ai contenuti online Pandora+, ma puoi anche fare una donazione a supporto del progetto. Grazie!

Abbonati ora

Seguici

www.pandorarivista.it si avvale dell'utilizzo di alcuni cookie per offrirti un'esperienza di navigazione migliore se vuoi saperne di più clicca qui [cliccando fuori da questo banner acconsenti all'uso dei cookie]