Il TAP tra energia e geopolitica
- 08 Gennaio 2019

Il TAP tra energia e geopolitica

Scritto da Giuseppe Palazzo

9 minuti di lettura

Pagina 3 – Torna all’inizio

Il tiro alla fune

Le ragioni geopolitiche del progetto TAP sono già state in parte affrontate in questo scritto ma meritano un maggior approfondimento.

Con l’espressione “tiro alla fune” Parag Khanna intende la competizione tra gli stati nella geografia delle connessioni infrastrutturali ed economiche per trovarvisi il più possibile al centro ed esserne luogo di origine e transito[20]. Un gioco simile esiste tra Azerbaijan, UE e Russia ma anche tra il Nord e il Sud Europa. Nel 2019 dovrebbe entrare in funzione North Stream II, il raddoppio del gasdotto che viaggia dalla Russia alla Germania attraverso il mare, senza transitare in altri stati. Sarà in grado da solo di soddisfare quasi un quarto della domanda attuale UE di gas. Si tratta di un progetto economicamente valido tra un grosso esportatore e la prima economia UE. Da un punto di vista politico esso è avversato dai paesi Est europeo e dalla Commissione.

A differenza del TAP, esso aumenta la dipendenza dalla Russia, rafforzando il ruolo preponderante di Gazprom. Esso consentirebbe al tempo stesso alla Germania di acquisire il ruolo di hub del gas per tutta l’UE, con cospicui vantaggi commerciali[21]. Berlino sta volutamente ignorando le ragioni dell’UE dopo che queste hanno, invece, impedito la realizzazione del South Stream, un gasdotto analogo che avrebbe portato gas russo in Europa attraverso il Mar Nero e l’Italia.[22]

Il TAP non può competere con i numeri del North Stream II (110 miliardi di metri cubi di capacità), anche tenuto conto di una rete pensata per trasportare il gas da Nord a Sud e da Est a Ovest e che deve essere migliorata per consentire l’inversione di flusso, necessario per condurre nel resto d’Europa il gas azero e del Mediterraneo orientale da Sud e il GNL dai rigassificatori iberici. Tuttavia, il TAP contribuisce alla resilienza europea e promuove lo sviluppo di un hub meridionale del gas. Inoltre, rinforza il legame commerciale tra Azerbaijan ed Italia[23], rafforzando un Paese che costituisce un fattore di stabilità per il Caucaso, con tendenze multiculturali e non incline a incoraggiare estremismi[24] (pur non essendo una democrazia, come nessuno degli altri principali stati da cui importiamo idrocarburi).

Permettendo all’Italia di avere un po’ di “fune”, il TAP rappresenta l’opportunità strategica di guadagnare un posizionamento migliore nelle filiere globali. Sono considerazioni che un Paese maturo, e dotato di una politica energetica di lungo periodo, deve svolgere con serenità e senza abbandonarsi a considerazioni di corto respiro.

Torna all’inizio


[20] Khanna Parag, “Connectography”, Fazi Editore, settembre 2016

[21] Buck Tobias, “How Russian gas became Europe’s most divisive commodity”, Financial Times, 17 luglio 2018

https://www.ft.com/content/e9a49e8c-852c-11e8-a29d-73e3d454535d

[22] Chiellino Giuseppe, “Germania-Ue, sfida sul gasdotto Nord Stream 2”, il Sole 24 Ore, 4 agosto 2017

https://www.ilsole24ore.com/art/commenti-e-idee/2017-08-04/germania-ue-sfida-nord-stream2-194406_PRV.shtml?uuid=AEHuiq8B

[23] Cariani Valentina, “Un mercato strategico per il Sistema Italia”, OBOR Watch, ISPI, 26 febbraio 2018

https://www.ispionline.it/it/pubblicazione/un-mercato-strategico-il-sistema-italia-19743

[24] Massari Augusto, “Azerbaijan: paese di primo piano”, OBOR Watch, ISPI, 26 febbraio 2018


Vuoi aderire alla nuova campagna di abbonamento di Pandora? Tutte le informazioni qui

Scritto da
Giuseppe Palazzo

Laureato in Scienze Internazionali e Istituzioni Europee presso l’Università degli Studi di Milano, si è poi specializzato nel settore energetico, conseguendo un MSc in Global Energy and Climate Policy presso la SOAS University of London e un master in Energy Management presso il MIP Politecnico di Milano. Ha intrapreso percorsi legati alle politiche pubbliche ed europee, presso ISPI e Scuola di Politiche, e legati alla regolazione del settore energetico italiano presso l’Università di Siena. Ha lavorato come consulente in BIP, ora è project manager per le attività internazionali di RSE (Ricerca sul Sistema Energetico), dipartimento Sviluppo sostenibile e Fonti energetiche.

Pandora Rivista esiste grazie a te. Sostienila

Se pensi che questo e altri articoli di Pandora Rivista affrontino argomenti interessanti e propongano approfondimenti di qualità, forse potresti pensare di sostenere il nostro progetto, che esiste grazie ai suoi lettori e ai giovani redattori che lo animano. Il modo più semplice è abbonarsi alla rivista cartacea e ai contenuti online Pandora+, ma puoi anche fare una donazione a supporto del progetto. Grazie!

Abbonati ora

Seguici