Tecnica e politica. Alcune riflessioni

tecnica

Si discute spesso, in Europa, del rapporto tra tecnocrazia e potere politico. L’attuale fase storica viene da più lati interpretata, infatti, come una stagione in cui l’agire politico, e in particolare quello delle sinistre, viene stretto tra tecnocrazia e populismo. Ci proponiamo di declinare, qui, alcuni dei rapporti che avvicinano intrinsecamente agire politico e tecnica, e di determinare che cosa, di conseguenza, questi rapporti abbiano da dirci a proposito della tecnocrazia in generale.

Ci sono due aspetti diversi del rapporto tra politica e tecnica che vengono innanzitutto all’attenzione: il primo è determinato dal fatto che la politica stessa può essere intesa come una tecnica a causa del rapporto stretto tra attività politica e professionismo politico; la seconda ragione di questa relazione stretta è determinata dal rapporto, così intrinseco, che la politica intrattiene con l’economia politica.

Per quanto riguarda il primo punto, si può dire che la politica sia tanto più interpretabile come tecnica quanto più essa si avvicina al professionismo politico. Ma la nozione stessa di professionismo politico è culturalmente e geopoliticamente estremamente situata, mentre inoltre ogni forma di azione politica può essere interpretata come professionistica se praticata con un ragionevole livello di efficienza razionalisticamente intesa, e cioè di conformità dei mezzi agli scopi. Si può dire allora che la politica sia una professione affatto diversa a seconda della natura del sistema di potere nel quale un determinato politico si trova ad operare e cioè a seconda delle finalità dell’agire pubblico in un determinato sistema politico-culturale o, secondo un’altra interpretazione che però qui non adotteremo, in una determinata cornice istituzionale. Ogni civiltà, infatti, ha una propria concezione di quale dovrebbe essere l’aspetto di una classe dirigente e di quali dovrebbero essere le sue mansioni.

Il potere, all’interno e al di fuori dei partiti, si amministra secondo varie modalità antropologiche: militari, burocratiche, retorico-politiche. E la natura di queste modalità è tale da riflettersi all’interno della struttura stessa dei partiti, nel senso che i partiti sono organizzati secondo queste diverse modalità a seconda dei loro obiettivi specifici, della antropologia politica in base alla quale essi selezionano classi dirigenti, e della loro ragione sociale.

Si è detto, prima, dell’apparente rilevanza della cornice istituzionale per la determinazione dei caratteri di un’azione politica come professionistica. In realtà, tuttavia, secondo una impostazione teorica di tipo marxiano-gramsciano, ogni gruppo organizzato per finalità politiche è de facto un partito politico, e cioè indipendentemente dal suo partecipare alla competizione per cariche elettive, e il livello di organizzazione che sarà richiesto a tale gruppo per essere definibile come un soggetto politico sono poi diversi a seconda del suo collocarsi a sinistra o a destra nello spettro politico. Questo a causa del fatto che Marx ipotizzava l’enorme rilievo dello stesso capitale in quanto soggetto storico-politico, il quale opererebbe nei fatti non diversamente da un partito politico (di destra), e ciò nonostante esso non abbia un principio di organizzazione politica interno (esso, cioè, sarebbe quello che si suole chiamare una forza oggettiva). Si tratta, in altri termini, come sempre, di accettare o meno l’impostazione secondo cui la lotta politica è un tipo di azione che non è semplicemente riducibile alla competizione politica, poiché comprende al suo interno un’ipotesi di egemonia culturale.

Continua a leggere – Pagina seguente


Indice dell’articolo

Pagina corrente: Introduzione

Pagina 2: Rapporto tra tecnica e politica

Pagina 3: Rapporto tra politica ed economia politica


Vuoi aderire alla nuova campagna di abbonamento di Pandora per i numeri 4,5 e 6? Tutte le informazioni qui

Nato a Nocera Inferiore nel 1984. Dottore di ricerca in storia delle idee presso la Scuola Normale Superiore. Studia storia e filosofia e si prepara a insegnarle nei licei. Si interessa di politica e di scienza politica. Suona il basso elettrico e il contrabbasso.

Comments are closed.