“Togliatti e gli intellettuali” di Albertina Vittoria
- 15 Novembre 2017

“Togliatti e gli intellettuali” di Albertina Vittoria

Scritto da Francesco Monica

8 minuti di lettura

Pagina 3 – Torna all’inizio

Il rapporto con gli intellettuali e il 1956

I comunisti ebbero un rapporto dialettico con gli intellettuali, come si evince dalle polemiche che figure importanti della cultura italiana, come Vittorini e Bobbio, ebbero con il segretario del PCI. Togliatti riteneva fosse fondamentale che gli intellettuali fossero coinvolti nella vita politica e nell’elaborazione del partito e per questo in quegli anni vennero create varie riviste, come Rinascita, Società, Il Contemporaneo, Critica Marxista, Studi Storici e la casa editrice Editori Riuniti. L’obiettivo era di organizzare la cultura, fornendo strutture che potessero stimolare ed indirizzare il dibattito intellettuale, pur mantenendo «l’oggettività» e la «scientificità» della ricerca. Questo fine portò anche alla creazione, nel 1948 su proposta di Sereni, dell’Istituto Gramsci, che divenne un luogo chiave dove avvennero molti dei dibattiti che caratterizzarono la politica culturale dei comunisti.

Il punto di svolta nel rapporto tra PCI e gli intellettuali furono i fatti del 1956, con il rapporto Cruščëv e l’invasione dell’Ungheria. Questi due eventi portarono a un allontanamento dal partito di alcuni importanti intellettuali e dirigenti, tra cui Italo Calvino e Antonio Giolitti, e generarono proteste interne nei confronti della linea politica assunta dal partito in quell’occasione.

Il XX Congresso del PCUS aprì un confronto sulla democrazia nei paesi socialisti. Gli intellettuali vicini al PCI presero posizione sul rapporto presentato dal leader sovietico e Togliatti, in un articolo sull’Unità, ribadì la funzione storica e i successi dell’URSS, pur consapevole che quel modello esigesse dei cambiamenti, e al tempo stesso affermò come bisognasse andare oltre gli errori dello stalinismo. Il giovane studioso Paolo Spriano, condividendo la posizione togliattiana, sostenne che il PCI aveva, dopo la lotta di liberazione, superato l’impostazione leninista di Stato e Rivoluzione: il “partito nuovo” aveva spostato la lotta all’interno dello stato democratico e del parlamentarismo, mentre Lenin riteneva che queste forme dello Stato borghese andassero contrastate.

Il dibattito sul rapporto Cruščëv poneva con forza il tema delle “vie nazionali al socialismo” e di quale dovesse essere la funzione politica e ideologica dell’URSS come “stato guida”. Questa discussione ebbe un’ulteriore approfondimento nell’autunno con l’invasione delle truppe sovietiche dell’Ungheria. Il PCI appoggiò l’iniziativa, considerando le proteste delle masse ungheresi come un’azione controrivoluzionaria. Questa presa di posizione portò 101 intellettuali a firmare un documento contrario all’invasione, perché, come disse Italo Calvino, questa azione militare era contraria all’idea che il socialismo fosse una «forza liberatrice» e non si poteva accettare che «un potere operaio» reprimesse «tutta una classe operaia»[12]. Il sostegno alle masse e al governo di Imre Nagy venne anche dagli universitari romani della FGCI, dal leader della CGIL Giuseppe Di Vittorio e dalla cellula comunista della casa editrice Einaudi. I fatti ungheresi provocarono smarrimento e incertezza tra i militanti del partito, che fino ad allora aveva vissuto con il mito sovietico.

Togliatti rispose in modo netto: «non possiamo accettare questo scagliarsi contro tutto e contro tutti. Si sta con la propria parte anche quando sbaglia»[13]. La presa di posizione fu probabilmente dettata dalla convinzione del “Migliore” che la situazione internazionale della Guerra Fredda, e il filosovietismo ancora molto presente nelle base comunista, non gli consentissero di recidere il legame con l’Unione Sovietica. Togliatti anni dopo, nel memoriale di Yalta, afferma che «la lotta per la democrazia viene ad assumere […] un contenuto diverso, che sino ad ora, più concreto, più legato alla realtà della vita economica e sociale»[14].  Anni dopo Berlinguer, ricollegandosi anche a queste dichiarazioni, porterà i comunisti italiani a prendere molto più nettamente le distanze dal modello sovietico, fino ad affermare il “valore universale della democrazia”.

Gli eventi del ’56 posero un altro problema: la democrazia interna. Il dibattito sul XX Congresso e sui fatti dell’Ungheria aveva scatenato una dialettica interna, che coinvolse anche la stampa del partito e non solo, che mai prima aveva caratterizzato il PCI. La presa di posizione dei 101 che firmarono il documento, le critiche dei giovani universitari e di altre importanti personalità, scossero l’unità del partito. Antonio Giolitti pose il tema considerando che «la democrazia non doveva solo essere costitutiva dei regimi socialisti, ma doveva essere portata avanti anche dentro lo stesso partito, che era stato ”corresponsabile” di quanto era accaduto»[15]. Luigi Longo affermò che una volta discussa e approvata una posizione, negli organi dirigenti, non si poteva esprimersi in pubblico contro di essa. Giolitti espresse le sue critiche nel volume Riforme e rivoluzione, al quale rispose Longo con il libro Revisionismo vecchio e nuovo, che portò il dirigente dissidente ad assumere la decisione di uscire dal partito e avvicinarsi, successivamente, al PSI. La scelta di Giolitti fu seguita da altri, come Calvino e Eugenio Reale. Cantimori si ritirò, mentre Manacorda decise di rimanere, pur esprimendo il proprio dissenso rispetto alle posizioni assunte dalla direzione. Anche Feltrinelli si allontanò dal partito e pubblicò Il dottor Živago, nonostante le pressioni che il PCI fece sull’editore per evitare che ciò accadesse.

Gli anni successivi al 1956 il PCI dovette ricostruire il “rapporto sentimentale con gli intellettuali”, portando avanti un approccio differente nella ricerca culturale, che doveva andare oltre l’ambito comunista: Mario Alicata, responsabile della commissione cultura, sosteneva che si dovessero «organizzare le strutture per il lavoro culturale con un’apertura diversa rispetto al passato, poiché queste non dovevano rimanere nell’ambito strettamente comunista, ma rivolgersi e coinvolgere anche gli altri studiosi»[16]. La nuova linea fu accompagnata da una «ristrutturazione» dell’Istituto Gramsci, che portò Ranuccio Bianchi Bandinelli ad assumerne la presidenza. L’obiettivo del nuovo corso era «di coinvolgere anche chi non era iscritto al partito e di svolgere un’attività scientifica e di studio, che avesse una sua ricaduta nella cultura nazionale»[17]. In questo processo l’Istituto assunse «una funzione che non doveva rimanere dentro il PCI, ma era rivolta verso l’esterno»[18] per essere produttore di cultura, insieme alle varie riviste del partito, e mobilitandosi per organizzare convegni che riguardassero vari aspetti dell’attualità politica e intellettuale. L’Istituto nel corso degli anni iniziò, su spinta di Togliatti, un’opera di raccolta degli scritti gramsciani originali, e si pose l’obiettivo di giungere all’edizione critica dei Quaderni del carcere, curata da Valentino Gerratana, che saranno editi da Einaudi nel 1975.

La centralità del pensiero di Antonio Gramsci nella politica culturale del PCI, per affermare le radici nazionali del partito, resta una delle principali eredità politiche di Togliatti, che ha permesso ai comunisti italiani di scrivere pagine importanti della storia del nostro paese, diventando un caso unico nell’Europa divisa dalla Guerra Fredda. La lettura del libro di Albertina Vittoria rappresenta un’occasione preziosa per approfondire queste vicende, ricostruite dall’autrice con rigore e precisione.

Torna all’inizio


[1] A. Vittoria, Togliatti e gli intellettuali, p. 60.

[2] A. Vittoria, Togliatti e gli intellettuali, p. 90.

[3] A. Vittoria, Togliatti e gli intellettuali, p. 92.

[4] A. Vittoria, Togliatti e gli intellettuali, p. 95.

[5] A. Vittoria, Togliatti e gli intellettuali, p. 96.

[6] A. Vittoria, Togliatti e gli intellettuali, p. 312.

[7] A. Vittoria, Togliatti e gli intellettuali, p. 89.

[8] A. Vittoria, Togliatti e gli intellettuali, p. 105.

[9] A. Vittoria, Togliatti e gli intellettuali, p. 79.

[10] A. Vittoria, Togliatti e gli intellettuali, p. 133.

[11] A. Vittoria, Togliatti e gli intellettuali, p. 143.

[12] A. Vittoria, Togliatti e gli intellettuali, p. 212.

[13] A. Vittoria, Togliatti e gli intellettuali, p. 219.

[14] P. Togliatti, Il memoriale di Yalta, Sellerio editore, Palermo, 1988, p. 37.

[15] A. Vittoria, Togliatti e gli intellettuali, p. 239.

[16] A. Vittoria, Togliatti e gli intellettuali, p. 254.

[17] A. Vittoria, Togliatti e gli intellettuali, pp. 261-262.

[18] A. Vittoria, Togliatti e gli intellettuali, p. 255.


Vuoi aderire alla nuova campagna di abbonamento di Pandora? Tutte le informazioni qui

Scritto da
Francesco Monica

Nato a Reggio Emilia nel 1994. Laureato in Filosofia presso l'Università di Bologna.

Pandora di carta

Seguici

www.pandorarivista.it si avvale dell'utilizzo di alcuni cookie per offrirti un'esperienza di navigazione migliore se vuoi saperne di più clicca qui [cliccando fuori da questo banner acconsenti all'uso dei cookie]