“Destinati alla guerra. Possono l’America e la Cina sfuggire alla trappola di Tucidide?” di Graham Allison
- 29 Maggio 2019

“Destinati alla guerra. Possono l’America e la Cina sfuggire alla trappola di Tucidide?” di Graham Allison

Scritto da Alberto Prina Cerai

10 minuti di lettura

Pagina 3 – Torna all’inizio

Cultura, storia e guerra. Il futuro (incerto) delle relazioni tra Stati Uniti e Cina

Nella terza sezione, Allison descrive accuratamente le culture – politiche e strategiche – dei due paesi, facendo emergere differenze e affinità, con un riguardo speciale alle attitudini di governo nel confrontarsi con il mondo una volta palesatasi una ‘finestra d’opportunità’ per la leadership globale. Il flashback ci riporta all’inizio del XX secolo, quando il Presidente Theodore Roosevelt si accingeva a consolidare il controllo sull’emisfero occidentale e a proiettare gli Stati Uniti nelle prime avventure oltreoceano. «Prima e dopo di lui», scrive Allison, «nessun presidente è mai riuscito a influenzare così profondamente la consapevolezza del paese circa il proprio ruolo nel mondo» [p. 157]. Eccezionalismo e supremazia militare furono i suoi imperativi, il ‘corollario Roosevelt’ come implementazione della Dottrina Monroe su scala planetaria il suo retaggio più robusto in seguito alle vittorie su Spagna, Germania e Gran Bretagna. Quest’ultima, perdendo di fatto l’egemonia marittima sull’Atlantico, accettò suo malgrado il suo lento e inevitabile ridimensionamento internazionale. Forti di un rinnovato spirito nazionalistico e galvanizzati da una nuova ‘frontiera’ oceanica, gli Stati Uniti si affacciavano fiduciosi sul Novecento per dominarlo. Con le dovute differenze, qual è l’orizzonte della Cina?

La disamina dell’Autore prosegue analizzando la sua figura di maggior spicco. La parabola ascendente di Xi Jimping rispecchia, a grandi linee, quella del suo Paese. Orgoglio patriottico, dedizione, visione. Tre componenti per realizzare il «sogno cinese», che si sostanzia principalmente lungo quattro direttrici: predominio in Asia; ricostruire la ‘grande Cina’ annettendo i territori ancora fuori controllo; recuperare la storica sfera d’influenza, regionale e marittima; esigere rispetto dalle altre nazioni nei consessi mondiali. Come la stessa storia americana suggerisce, spesso sono le credenze e le convinzioni culturali, alimentate dal decorso favorevole o non della storia, a stabilire i confini e le ambizioni di una classe dirigente, così come i modelli attraverso cui vedere e/o concepire la realtà internazionale. Per Allison, vi sono tre grandi questioni che definiscono il comportamento cinese e, di conseguenza, la percezione americana. La prima è che la Cina ha conosciuto il cosiddetto ‘periodo delle umiliazioni’ da parte dell’Occidente e, dunque, i costi dell’assoggettamento, lasciando un segno indelebile. Ora che Pechino possiede sufficiente leva economica e militare il suo peso politico è destinato a crescere consequenzialmente, così come a compiersi «la promessa fatta da Xi Jinping ai suoi concittadini: non sarà più così» [p. 184]. La seconda concerne l’evidente faglia di civilizzazione con il mondo occidentale, la quale rischia di produrre uno scontro sulle orme di quanto previsto da Samuel Huntington negli anni Novanta. Infine, non solo confidenza e potere spingono la Cina a reclamare il meritato riconoscimento internazionale: anche non fosse un obiettivo predeterminato, sono le dinamiche attuali che agiscono a favore della Cina e alzano la posta in palio, specialmente per quanto gli Stati Uniti potrebbero perdere in termini di egemonia globale così come l’abbiamo conosciuta dal 1945.

È su questo solco che incominciano a intravedersi i moniti di Tucidide, specialmente nelle acute differenze in termini identitari, politici e di governo. Cina e Stati Uniti, sottolinea Allison, «hanno un enorme complesso di superiorità» rispetto alle altre nazioni, mentre il divario maggiore emerge «dalle loro visioni opposte circa l’ordine mondiale» [pp. 229, 238]. Da una parte l’universalismo democratico americano, dall’altra la fiducia cinese nell’armonia attraverso la gerarchia, sia in patria che all’estero. Anche rispetto all’uso della forza, specialmente quella militare, lo scontro culturale strategico si fa evidente. Dominati da uno spirito Realpolitik, gli strateghi cinesi ragionano in termini olistici, considerando la guerra «una questione essenzialmente psicologica e politica» [p. 241]. Da qui ne derivano tattiche attendiste, pragmatiche, in attesa di un vento favorevole. È questa la cornice che spiega la progressiva strategia di dominio dei mari adiacenti, dove la presenza americana è particolarmente detestata. A partire dal dominio dello spazio aereo, la Cina punta a diventare come un’immensa portaerei attraccata al continente asiatico, e così allontanare gli Stati Uniti dal Mar Cinese Meridionale. Uno specchio d’acqua che, di fatto, è considerato da entrambe le parti «il maggior elemento di tensione».

Le dispute sulle acque contigue alla Cina sono soltanto una tessera del mosaico che compone l’arco di crisi nella regione. Un quadrante geografico che ha già visto l’Esercito Popolare di Liberazione in azione nel passato, dalla guerra di Corea sino alla crisi di Taiwan alla fine degli anni Novanta, passando per la disputa territoriale con i sovietici nel 1969 i conflitti con India (1962) e Vietnam (1979). C’è, tuttavia, un comune denominatore in queste vicende: all’epoca, la Cina era un paese relativamente debole. Oggi, con un’economia che primeggia e forze armate in grado di rivaleggiare con gli Stati Uniti, Pechino può permettersi di prendersi molti rischi, ma allo stesso tempo ha anche molto da perdere. Per l’Autore, le trappole per eventuali escalation militari sono disseminate ovunque, in ogni fronte che vede USA e Cina coinvolte specularmente – Corea del Nord, Mar Cinese Meridionale, Taiwan, cyberspazio e nella strisciante disputa commerciale. In questi scenari, «la guerra tra Stati Uniti e Cina non è inevitabile, però è possibile», poiché «lo stress di fondo generato dall’ascesa travolgente della Cina crea delle condizioni in cui eventi accidentali, altrimenti privi di conseguenze, potrebbero innescare un conflitto su larga scala» [p. 295].

Il pessimismo di Allison è però mitigato nella parte conclusiva del libro, dove vengono presentati «dodici indizi per la pace» – tratti dai casi studi presentati in precedenza, in cui dalla dinamica tucididea non si fece ricorso alla guerra: dall’importanza di un arbitrato internazionale e di organismi di sicurezza regionali per la gestione e bilanciamento delle crisi, al buon senso e all’abilità diplomatica degli statisti. Lo spettro dell’olocausto nucleare e una forte interdipendenza economica fanno «alzare il costo della guerra e [ne riducono] le probabilità» [p. 332]. Di converso, sono le alleanze che destano maggiori preoccupazioni, in quanto rischiano di trascinare ambo le parti in dispute localizzate che, aumentando la risonanza delle tensioni intrinseche a USA e Cina, possono innescare una spirale incontrollabile. Dunque, in che direzione andare? L’Autore, in conclusione, cerca di offrire un set di soluzioni per le élite americane, consapevole che la strategia americana sulla Cina sia stata, complessivamente, contraddittoria. Nella mente di Allison le lezioni della storia continuano ad essere la stella polare per gli statisti americani e cinesi, i quali dovranno – specialmente rivolgendosi ai suoi compatrioti – gerarchizzare gli interessi vitali, abbandonare progetti geopolitici «scollati dalle priorità nazionali», capire gli obiettivi della controparte e ridare spazio alla pianificazione strategica purché sia coerente e sostenibile. In breve, salvaguardare la propria raison d’être ed investire sul proprio capitale politico senza sacrificare l’american way of life sull’altare della competizione internazionale.

Conclusioni: l’applicabilità del concetto di ‘trappola di Tucidide’

Il lavoro di Graham Allison è destinato a suscitare un lungo dibattito. Seppur rappresenti uno dei più imponenti libri di recente pubblicati, alcuni osservatori hanno avanzato critiche, perlopiù sull’aspetto metodologico. È, infatti, l’applicabilità e la sostenibilità teorica del concetto di ‘trappola di Tucidide’ a venir messo più in discussione come miglior pattern per definire lo stato attuale delle relazioni tra Stati Uniti e Cina. «Se la trappola di Tucidide non fosse stata menzionata», scrive Lawrence Freedman ritenendola un «costrutto inutile», «molte delle argomentazioni e delle questioni sollevate in questo libro sarebbero state comunque rilevanti e avrebbero meritato un’attenta considerazione»[5]. L’interpretazione che domina il libro è che l’attuale dinamica sino-americana sia perfettamente, o quasi, riconducibile in quello schema, quasi fosse che la formula tucididea possa essere un prodotto preconfezionato. Dunque, il declino relativo degli Stati Uniti nelle gerarchie internazionali sembra essere, per Allison, la componente di pericolo maggiore per la materializzazione di un conflitto armato. In questo modo, la struttura di contorno – ovvero la complessa realtà del XXI secolo – passa un po’ in secondo piano, rischiando di diffondere un messaggio (la non inevitabilità della guerra) attraverso un mezzo discorsivo (l’esistenza inevitabile della ‘trappola’) non del tutto appropriato e troppo focalizzato sulle due superpotenze. La forte interdipendenza globale, infatti, non solo fa della Cina un importante stakeholder, ma finisce per coinvolgere e legare saldamente il destino di nazioni e potenze regionali nella più ampia cornice dei rapporti sino-americani. Vi sono importanti rivalità tra la Cina e i paesi dell’Asia-Pacifico, i cui interessi possono tanto non coincidere con le priorità americane, quanto divenire utili attori che, in aggregato, possano contenere le ambizioni di Pechino. Ciò non ridimensiona l’accuratezza delle riflessioni, dell’analisi approfondita con cui l’Autore riscopre la politica internazionale di oltre cinque secoli, e lo spirito di un intellettuale volto ad auspicare tutte le misure e i mezzi possibili per scongiurare un epilogo che la storia ha più volte sentenziato. «Come Tucidide ben sapeva e come conferma il libro di Allison, le circostanze geopolitiche non sono fatali; il carattere dei potenziali belligeranti conta, specialmente le loro abilità e volontà di raggiungere il compromesso»[6].

Torna all’inizio


[5] Destined for War: Can America and China Escape Thucydides’s Trap? Reviewed by Lawrence Freedman, PRISM, Vol.7, No.1 (2017), pp. 175-178, cit. p. 176, 177.

[6] Karl F. Walling, ‘The United States, China, and Thucydides’s Many, Many Traps,’ Naval War College Review, Vol. 71, No. 1 (2018), pp. 152-158, cit. p. 155.


Vuoi aderire alla nuova campagna di abbonamento di Pandora? Tutte le informazioni qui

Scritto da
Alberto Prina Cerai

Nato a Biella, laureato in Scienze Strategiche presso l’Università degli studi di Torino e in Storia Contemporanea all’Università di Bologna. Ha svolto un periodo di ricerca al Liddell Hart Centre for Military Archives (LHCMA) presso il King’s College. Interessato di storia, politica e sicurezza americana e di geopolitica.

Pandora di carta

Seguici

www.pandorarivista.it si avvale dell'utilizzo di alcuni cookie per offrirti un'esperienza di navigazione migliore se vuoi saperne di più clicca qui [cliccando fuori da questo banner acconsenti all'uso dei cookie]