Algorithmic bias, filter bubble e echo chamber
- 20 Maggio 2021

Algorithmic bias, filter bubble e echo chamber

Scritto da Francesco Corea, Fabio Fossa, Andrea Loreggia, Stefano Quintarelli e Salvatore Sapienza

7 minuti di lettura

«Se il prodotto non costa nulla, allora il prodotto sei tu!», forse più che il prodotto siamo la miniera dalla quale estrarre il petrolio del nuovo millennio: l’informazione. I dati che descrivono il nostro comportamento, tanto nella rete e quanto nella vita reale, i nostri gusti, le nostre preferenze, diventano una sorgente di conoscenza fondamentale per lo sviluppo e l’allenamento di molti algoritmi di intelligenza artificiale. Questa informazione è talmente importante da spingere diverse aziende a focalizzare il proprio core-business su raccolta (a volte anche piratesca), stoccaggio e lavorazione di tale materia prima. Veri e propri mediatori…

Questo contenuto è disponibile solo per gli utenti abbonati

Scritto da
Francesco Corea, Fabio Fossa, Andrea Loreggia, Stefano Quintarelli e Salvatore Sapienza

Francesco Corea: Ricercatore indipendente. Ha conseguito un dottorato in Economia alla LUISS Guido Carli, un post-doc in Artificial Intelligence all’Università Ca’ Foscari di Venezia e si è formato anche alla University of California di Los Angels. Fabio Fossa: Assegnista di ricerca al Dipartimento di Ingegneria meccanica del Politecnico di Milano dove insegna Social Impact, Risk and Responsibility of Technology and Engineering e Ethics for Technology. Ha insegnato all’Università di Pisa e ha svolto attività di ricerca alla Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa. Andrea Loreggia: Research Associate all’European University Institute. Membro del gruppo di esperti dello United Nations Centre for Trade Facilitation and Electronic Business – UN/CEFACT. Ha conseguito un dottorato in Computer Science all’Università di Padova. Stefano Quintarelli: Tra i pionieri di Internet, ha fondato I.NET, il primo Internet Service Provider commerciale in Italia orientato al mercato professionale. Imprenditore seriale, è stato docente universitario, Direttore dell’Area Digital del Gruppo 24ORE e Deputato nella XVII legislatura. È presidente dell’Advisory group on advanced technologies per il commercio e l’e-business per le Nazioni Unite (CEFACT), componente del Gruppo di esperti ad alto livello sull’intelligenza artificiale per la Commissione europea e presidente del Comitato di indirizzo dell’Agenzia per l’Italia digitale. Tra le sue pubblicazioni ricordiamo: “Capitalismo immateriale. Le tecnologie digitali e il nuovo conflitto sociale” (Bollati Boringhieri 2019). Salvatore Sapienza: Assegnista di ricerca al Centro Interdipartimentale Alma Mater Research Institute for Human-Centered Artificial Intelligence – (Alma AI). Ha conseguito un dottorato in Law, Science & Technology al CIRSFID – Alma AI. Ha studiato all’Università di Bologna e al King’s College Londra.

Abbonati ora

Seguici