Ant e dintorni. Le piattaforme digitali asiatiche
- 25 Gennaio 2021

Ant e dintorni. Le piattaforme digitali asiatiche

Scritto da Alessandro Aresu

10 minuti di lettura

Il blocco della quotazione di Ant Group è stato uno degli eventi più importanti del 2020, perché ha messo in luce il ruolo politico delle piattaforme asiatiche. Un ruolo che in Cina è evidente sul piano interno, nei rapporti del Partito Comunista Cinese con i campioni del proprio territorio e con imprenditori in cerca di (impossibile) autonomia. Allo stesso tempo, come vedremo, la politica delle piattaforme in Asia è fondamentale anche sul piano esterno. La percezione degli attori digitali cinesi nell’estero vicino è fondamentale per la loro crescita, e le limitazioni sull’accesso ai mercati e i divieti…

Questo contenuto è disponibile solo per gli utenti abbonati

Scritto da
Alessandro Aresu

Consigliere scientifico di «Limes», Direttore scientifico della Scuola di Politiche e Investment Director Deep Tech della Fondazione Enea Tech. Si è laureato in filosofia del diritto con Guido Rossi all’Università Vita-Salute del San Raffaele di Milano, dove è stato anche allievo di Enzo Bianchi e Massimo Cacciari. È stato consulente e consigliere di diverse Istituzioni, tra cui la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero dell’Economia e delle Finanze, il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, l’Agenzia Spaziale Italiana. Tra le sue ultime pubblicazioni: “Le potenze del capitalismo politico. Stati Uniti e Cina” (La Nave di Teseo 2020) e “L’interesse nazionale. La bussola dell’Italia” (con L. Gori, il Mulino 2018).

Abbonati ora

Seguici

www.pandorarivista.it si avvale dell'utilizzo di alcuni cookie per offrirti un'esperienza di navigazione migliore se vuoi saperne di più clicca qui [cliccando fuori da questo banner acconsenti all'uso dei cookie]