Gli europei e la guerra
- 22 Giugno 2022

Gli europei e la guerra

Scritto da Giuseppe Cucchi

15 minuti di lettura

È difficile, veramente difficile per tutti noi, quando non impossibile, accettare il fatto di essere vissuti per quasi ottant’anni crogiolandoci nel sogno di una pace che avrebbe dovuto essere eterna e che invece sta evidenziandosi solo come un temporaneo accidente di una storia europea che rischia di rimanere, nel suo presente come nel suo futuro, intrisa delle stesse guerre, delle medesime atrocità, dell’identico sangue che avevano contrassegnato il suo passato. Un’illusione basata, da un lato, sull’eccesso di sofferenze che i due conflitti mondiali del secolo scorso avevano inflitto al nostro continente. Rinforzata, dall’altro, da una conclusione della…

Questo contenuto è disponibile solo per gli utenti abbonati

Scritto da
Giuseppe Cucchi

Generale di Corpo d’Armata della Riserva dell’Esercito e consigliere scientifico di «Limes – Rivista italiana di geopolitica». Già Direttore del Centro militare di studi strategici, consigliere militare del Ministro della Difesa e del Presidente del Consiglio, rappresentante militare permanente dell’Italia presso NATO, UE e UEO. È stato Direttore del CESIS, Comitato esecutivo per i servizi di informazione e sicurezza, e – a seguito della riforma dell’intelligence – primo Direttore Generale del DIS, Dipartimento Informazioni per la Sicurezza.

Abbonati ora

Seguici