L’Italia e la macchina degli interessi
- 02 Dicembre 2018

L’Italia e la macchina degli interessi

Scritto da Alessandro Aresu

7 minuti di lettura

Lo scopo del libro L’interesse nazionale. La bussola dell’Italia che ho scritto con il diplomatico Luca Gori e da cui traggo queste considerazioni, è tracciare le coordinate di un concetto molto citato, ma non altrettanto compreso. L’interesse nazionale è indubbiamente un protagonista dell’attuale dibattito pubblico, interno ed estero. Chi si è formato nell’humus culturale degli anni Novanta del secolo scorso può vederlo come novità. Errore di prospettiva. Si tratta piuttosto di un risveglio. Dobbiamo evitare di leggere il dibattito sull’interesse nazionale come una sorta di rivoluzione. Errore di provincialismo. Alcune tradizioni geopolitiche, come quella…

Questo contenuto è disponibile solo per gli utenti abbonati

Scritto da
Alessandro Aresu

Consigliere scientifico di «Limes», Direttore scientifico della Scuola di Politiche e Investment Director Deep Tech della Fondazione Enea Tech. Si è laureato in filosofia del diritto con Guido Rossi all’Università Vita-Salute del San Raffaele di Milano, dove è stato anche allievo di Enzo Bianchi e Massimo Cacciari. È stato consulente e consigliere di diverse Istituzioni, tra cui la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero dell’Economia e delle Finanze, il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, l’Agenzia Spaziale Italiana. Tra le sue ultime pubblicazioni: “Le potenze del capitalismo politico. Stati Uniti e Cina” (La Nave di Teseo 2020) e “L’interesse nazionale. La bussola dell’Italia” (con L. Gori, il Mulino 2018).

Abbonati ora

Seguici