La situazione spirituale del nostro tempo
- 23 Dicembre 2022

La situazione spirituale del nostro tempo

Scritto da Vito Mancuso

12 minuti di lettura

Il termine “spirito” può essere inteso anzitutto come interiorità, come l’io invisibile descritto da Immanuel Kant: abbiamo cioè un io visibile, ed è la nostra persona, che si muove, che cresce, che invecchia, e abbiamo un io invisibile, che a sua volta cresce, invecchia, ringiovanisce. Si può invecchiare nell’io visibile e ringiovanire nell’io invisibile, si può sentire che l’io visibile non è più all’altezza degli ideali e delle speranze della gioventù, che il corpo comincia a tradire, e si può sentire che l’io invisibile – l’interiorità, l’anima, la psiche, l’ego, la coscienza, la mente, lo spirito –…

Questo contenuto è disponibile solo per gli utenti abbonati

Scritto da
Vito Mancuso

Teologo, è stato docente di Teologia moderna e contemporanea all’Università San Raffaele di Milano e di Storia delle dottrine teologiche all’Università di Padova. Attualmente insegna al master di Meditazione e neuroscienze dell’Università di Udine. Tra le sue numerose pubblicazioni: “Etica per giorni difficili” (Garzanti 2022), “A proposito del senso della vita” (Garzanti 2021), “Il principio passione” (Garzanti 2013) e “L’anima e il suo destino” (Raffaello Cortina 2007).

Abbonati ora

Seguici