Le frontiere dell’umano: i dilemmi dell’algoretica. Intervista a Paolo Benanti
- 21 Maggio 2021

Le frontiere dell’umano: i dilemmi dell’algoretica. Intervista a Paolo Benanti

Scritto da Giacomo Bottos e Eleonora Desiata

11 minuti di lettura

La crescente pervasività dell’uso di algoritmi in pressoché tutti gli ambiti della vita e lo sviluppo dell’intelligenza artificiale, solleva fondamentali questioni filosofiche che riguardano in ultima analisi l’identità e i confini dell’umano. A partire da queste problematiche, occorre impostare la discussione su quella che Paolo Benanti ha chiamato algoretica. Benanti è teologo, docente presso la Pontificia Università Gregoriana e autore di numerose opere tra cui: Oracoli. Tra algoretica e algocrazia (Luca Sossella Editore 2018) e Digital Age. Teoria del cambio d’epoca. Persona, famiglia e società (San Paolo 2020). Da anni si occupa di temi legati…

Questo contenuto è disponibile solo per gli utenti abbonati

Scritto da
Giacomo Bottos e Eleonora Desiata

Giacomo Bottos: Direttore di «Pandora Rivista» e Presidente di Tempora - pensare il presente, associazione, think tank ed editore della rivista. Ha studiato Filosofia presso l’Università degli Studi di Milano, l’Università di Pisa e la Scuola Normale Superiore di Pisa. Scrive su diverse riviste cartacee e online. Eleonora Desiata: Dottoranda in Scienza Politica e Sociologia alla Scuola Normale Superiore. Dopo la laurea in Scienze Internazionali e Diplomatiche all’Università di Bologna con un periodo di studi a Sciences Po (Parigi), ha conseguito la laurea specialistica in Economics & Management of Government all’Università Bocconi. Nella sua ricerca si occupa di attivismo, movimenti sociali, partiti e istituzioni.

Abbonati ora