Nel futuro del biotech: l’Italia tra opportunità e ritardi
- 21 Maggio 2021

Nel futuro del biotech: l’Italia tra opportunità e ritardi

Scritto da Pierluigi Paracchi

8 minuti di lettura

Le biotecnologie stanno salvando il mondo. Nel drammatico periodo pandemico che stiamo vivendo è importante sottolinearlo. A salvarlo, in molti casi, sono delle startup o ex startup biotecnologiche, come Moderna, Cure-Vac e BioNtech, realtà – purtroppo non italiane – che stanno giocando un ruolo fondamentale nel permetterci di intravedere una via d’uscita dalla terribile situazione in cui siamo. È un segno di quanto dinamico e promettente sia il settore, che sta vivendo in questo momento una fase di forte crescita. Da laureato in economia, ho iniziato a occuparmi di biotech in maniera intensa nel 2004 e ho…

Questo contenuto è disponibile solo per gli utenti abbonati

Scritto da
Pierluigi Paracchi

Cofondatore e Chief Executive Officer di Genenta Science, Cofondatore e membro del board di Altheia Science e di AurorA Science, non-executive Chairman di Lipogems. Membro del consiglio direttivo di Assobiotec e di InnovUp. Imprenditore seriale e investitore nel settore biotech, è stato fondatore e CEO di Quantica SGR, fondo di venture capital che ha investito nell’azienda biotech EOS – Ethical Oncoloy Science poi acquisita da Clovis Oncology, società del listino Nasdaq, per oltre 400 milioni di dollari.

Abbonati ora

Seguici

www.pandorarivista.it si avvale dell'utilizzo di alcuni cookie per offrirti un'esperienza di navigazione migliore se vuoi saperne di più clicca qui [cliccando fuori da questo banner acconsenti all'uso dei cookie]