Smart city e piattaforme. Intervista a Carlo Ratti
- 25 Gennaio 2021

Smart city e piattaforme. Intervista a Carlo Ratti

Scritto da Alberto Bortolotti e Marilena Lorubbio

17 minuti di lettura

Lo sviluppo delle piattaforme digitali influisce profondamente anche sulle trasformazioni urbane attraverso una tendenza sempre più marcata a convergere verso il modello della smart city. Un paradigma che presenta al contempo potenzialità, ad esempio in relazione al tema della sostenibilità, e rischi relativi a privacy e sicurezza. Questi temi sono al centro di questa intervista a uno dei pionieri della materia, Carlo Ratti. Architetto e ingegnere, Ratti dirige il Senseable City Lab al Massachusetts Institute of Technology ed è tra i fondatori dello studio CRA-Carlo Ratti Associati con sede a Torino e New York.


Negli…

Questo contenuto è disponibile solo per gli utenti abbonati

Scritto da
Alberto Bortolotti e Marilena Lorubbio

Alberto Bortolotti: Laureato in Architettura con una tesi di urbanistica al Politecnico di Milano, è Consigliere Iunior dell’Ordine degli Architetti di Milano. Collabora con il Politecnico di Milano e ha svolto il proprio apprendistato presso lo studio del Commissario Presidenziale per la Politica Architettonica Coreana Seung H-Sang. È autore di Modello Milano? Una ricerca su alcune grandi trasformazioni urbane recenti (Maggioli 2020). Marilena Lorubbio: Laureata in Lingue e Letterature Straniere e in Business Internazionale, ha studiato tra Italia, Canada, Francia, Germania e Regno Unito e conseguito l’MBA presso la ESCP Business School. Esperta di marketing e vendite e appassionata di tecnologia, ha lavorato per diverse multinazionali, in Italia e all’estero. Oggi lavora come Channel Manager presso Microsoft, dove si occupa di trasformazione digitale nelle PMI.

Abbonati ora