Un patto sociale verde e digitale per la sovranità tecnologica
- 29 Luglio 2020

Un patto sociale verde e digitale per la sovranità tecnologica

Scritto da Francesca Bria

12 minuti di lettura

Siamo ancora nel mezzo di un’emergenza globale, che rappresenta uno shock economico senza precedenti, ‘la peggiore recessione dalla Grande Depressione’ che ci ha costretti ad adattarci al volo, a pensare e ad agire in modo rapido e nuovo. Decenni di polarizzazione economica hanno aumentato le disuguaglianze e creato una precarietà diffusa, con moltissime persone che si trovano in una condizione di insicurezza debilitante. Rispetto a questa condizione di partenza il lockdown ha determinato un ulteriore e drammatico peggioramento. Molte persone considerano l’economia come un sistema al quale non sentono di appartenere, un sistema disegnato per favorire altri.

Questo contenuto è disponibile solo per gli utenti abbonati

Scritto da
Francesca Bria

Presidente del Fondo Nazionale Innovazione-CDP Venture Capital SGR. Già Assessore per la digitalizzazione e l’innovazione per la città di Barcellona in Spagna, è Consulente Senior per le Nazioni Unite sulle smart cities. Senior Adviser in materia di tecnologia, innovazione e policy digitale per la Commissione europea e membro dell’High-level Expert Group sull’impatto economico e sociale dell’innovazione della Commissione (ESIR). È inoltre la fondatrice del progetto DECODE (http://decodeproject.eu), un Consorzio di sei Paesi che lavora su soluzioni per la sovranità dei dati in Europa.

Abbonati ora
www.pandorarivista.it si avvale dell'utilizzo di alcuni cookie per offrirti un'esperienza di navigazione migliore se vuoi saperne di più clicca qui [cliccando fuori da questo banner acconsenti all'uso dei cookie]