I lati oscuri della sharing economy

sharing economy

Uber e Airbnb sono il fenomeno del momento. Al netto delle polemiche, media ed opinione pubblica sembrano in piena estasi per la cosiddetta “sharing economy”. Maggiore offerta, prezzi ribassati, consumatori felici. Tutto vero se non fosse che dietro il consumo esiste una società che ha ben altri bisogni e complessità.

Iniziamo dall’aspetto semantico che è rilevante, e non poco. Di sharing, in questa economy, non vi è proprio nulla. Usare il termine condivisione fa venire in mente – di proposito – una situazione quasi a-economica, e comunque di cooperazione. Condivido la mia casa con chi non ce l’ha e non può permettersela. Do un passaggio al collega per andare al lavoro. O perché no, compro una macchina insieme al vicino di casa, divido le spese e condivido l’utilizzo, nel rispetto reciproco e della natura che ci circonda.

Nulla di tutto questo. Non c’è nessuna condivisione e nessuna cooperazione, c’è invece la semplice vendita di un servizio, usando in maniera surrettizia un termine per scavalcare la legislazione corrente. Quello che offre Uber non è car sharing ma un servizio taxi. Idem per Airbnb, che offre a pagamento un letto, modello pensione casalinga o affitto di appartamenti. L’unica differenza con il passato non sta nella modalità e nella tipologia di un’altra economia, ma nell’allargamento dell’offerta e quindi nella competitività dei prezzi. Ci torneremo.

Continua a leggere – Pagina seguente


Indice dell’articolo

Pagina corrente: I lati oscuri della sharing economy

Pagina 2Sharing economy: innovazione o competizione?

Pagina 3Sharing economy e sostenibilità 


Vuoi aderire alla nuova campagna di abbonamento di Pandora per i numeri 4,5 e 6? Tutte le informazioni qui

Nicola Melloni e' Visiting Research Fellow presso la Munk School for Global Affairs, University of Toronto. Ha vissuto a lungo nel Regno Unito, insegnato a Londra e studiato a Oxford. Scrive ed ha scritto per diverse testate tra cui: Micromega, Jacobin, Liberazione, Il Mulino.

One Comment on “I lati oscuri della sharing economy

  1. Pingback: CommonHelp, nelle pieghe della sharing economy - Dinamopress