“La scuola giusta. In difesa del liceo classico” di Federico Condello

Liceo classico

Recensione a: Federico Condello, La scuola giusta. In difesa del liceo classico, Mondadori, Milano 2018, pp. 272, 18 euro (scheda libro).


Non esiste, in Italia, una scuola dibattuta quanto il liceo classico. Costantemente al centro di diatribe didattiche, ideologiche e politiche, questa scuola ha raccolto, nell’intero corso della sua storia, un cospicuo numero di critiche e pregiudizi. La scuola giusta. In difesa del liceo classico di Federico Condello, docente di Filologia Greca presso l’Università di Bologna, si inserisce nel solco di una saggistica sempre più fiorente a difesa delle lingue classiche e del loro insegnamento: attraverso un’analisi riccamente documentata, il libro scardina atavici e ripetuti clichés e illustra i punti di forza di una scuola che rappresenta un unicum nel panorama educativo mondiale.

Nella prima parte del libro, Condello offre un profilo del liceo classico a partire dai suoi natali fornendo un inquadramento storico utile alle argomentazioni della seconda parte. Qui l’autore confuta la vulgata che fa risalire l’istituzione del liceo classico alla riforma Gentile (1923), mostrando non solo come sia complesso (se non impossibile) rintracciare le origini dell’istruzione ‘classica’ in Italia, ma anche come tale ricerca eziologica sia sempre viziata da un giudizio in ultima istanza ideologico. Condello analizza quindi i ‘numeri’ odierni di questa scuola in termini di popolazione studentesca secondo una serie di indicatori (maschi/femmine, Nord/Sud etc.), utile a fornire un’idea della sua consistenza numerica e sociale, e analizza la progressiva ‘caratterizzazione umanistica’ del liceo classico che, insieme alla ‘crescente fortuna degli indirizzi paralleli e concorrenti’ diventa la vera radice del suo ‘declino’:

Se il liceo classico è “scuola umanistica”, il suo fallimento è sicuro, perché equivale a un tradimento della sua funzione liceale. Peggio ancora se è scuola prevalentemente “letteraria” o prevalentemente “classica”. Se a questo ruolo lo sospingono o costringono riformatori e aspiranti riformatori, ciò significa accelerarne il fallimento. (pp. 143-4)

Nel tentativo di rimarcare la propria identità, il liceo classico diventa progressivamente un feticcio indirizzato non alla più ampia gamma di studenti possibile, ma solo a quelli che intendono votarsi allo studio delle lingue classiche e dell’antichità, tradendo così la sua vocazione liceale per così dire ‘universale’:

Questo liceo classico più classico è in realtà un liceo che si elogia per posa, e si condanna a una predestinata marginalità. Il suo apparente rafforzamento identitario è la conclamata attestazione della sua debolezza: divenuto via via scuola fra le scuole, quella che fu la scuola per eccellenza ora dovrebbe ritagliarsi un proprio posto e rassegnarsi alla funzione che il sistema le assegna: sfornare […] futuri antichisti. [p. 70]

La sezione finale della prima parte del libro prende le mosse da questa svolta perpetrata dalle riforme scolastiche degli ultimi decenni. L’autore smonta le proposte avanzate da varie parti per contrastare il progressivo calo di iscrizioni: proposte basate proprio sulla ‘settarizzazione’ del liceo classico e vòlte all’impoverimento di parte di quelle hard skills grammaticali su cui lo studio delle lingue antiche e l’esercizio della traduzione sono fondati:

Ecco l’esito che vanno prefigurando […] molti movimenti e sommovimenti che hanno segnato la storia del liceo classico negli ultimi trent’anni almeno: un liceo classico che merita di sopravvivere solo a patto di essere semplicemente classico, e niente di più. Ecco quel che si intravede anche dietro la proposta – in apparenza così generica – di un liceo classico con più appeal culturale e meno storture grammaticali; di un liceo improntato a un sapere classico-umanistico più lieve e più aereo, ma proprio perciò più esteso e più diffuso. Si spiega così anche l’ostilità fegatosa contro la grammatica, la lingua, la versione, che nel liceo classico – lungi dal rappresentare tratti di ottuso specialismo – sono i veri saperi “trasversali”, perché insegnano pratiche intellettuali rigorose, disponibili alla generalizzazione e all’applicazione nelle più varie discipline […] Nessun paradosso, in questo, se si ricorda quanto i saperi linguistici e filologici più aspri abbiano, fin dall’esordio dell’istruzione classica italiana, mirato a rendere il liceo classico tutto tranne che una scuola per classicisti. Dunque un liceo più debole; dunque un liceo per pochi. Non è questo il rischio vero – la sconfitta definitiva – del liceo classico? (pp. 92-3) 

Continua a leggere – Pagina seguente


Indice dell’articolo

Pagina corrente: Dalle origini alle riforme degli ultimi decenni

Pagina 2: Il liceo classico fra stereotipi e pregiudizi

Pagina 3: Il liceo classico: una scuola giusta perché equa e rispettosa


Vuoi aderire alla nuova campagna di abbonamento di Pandora? Tutte le informazioni qui 

Classe 1989. Laureato in Lettere Classiche al Collegio Superiore di Bologna. Al momento è PhD candidate in Classics all’Università di Edimburgo (UK). Ha sostenuto periodi di ricerca in Francia, Germania e Grecia. Parallelamente agli studi accademici, è docente di Lettere alle scuole medie superiori di Reggio Emilia e chitarrista professionista in diverse formazioni musicali.

Comments are closed.