La fragilità industriale italiana alla luce del Covid-19
- 29 Luglio 2020

La fragilità industriale italiana alla luce del Covid-19

Scritto da Alessandro Aresu e Giuseppe Surdi

17 minuti di lettura

At the end of the first two decades of our century, we find ourselves in a state of profound, world-wide crisis.
It is a complex, multidimensional crisis whose facets touch every aspect of our lives – our health and livelihood, the quality of our environment and our social relationships, our economy, technology, and politics.
It is a crisis of intellectual, moral, and spiritual dimensions; a crisis of a scale and urgency unprecedented in recorded human history.

F. Capra, The turning point, 1982

 

È sufficiente cambiare due parole, solo due parole, perché l’incipit del secondo libro del fisico e filosofo…

Questo contenuto è disponibile solo per gli utenti abbonati

Scritto da
Alessandro Aresu e Giuseppe Surdi

Alessandro Aresu è Consigliere scientifico di «Limes», Direttore scientifico della Scuola di Politiche e Investment Director Deep Tech della Fondazione Enea Tech. Si è laureato in filosofia del diritto con Guido Rossi all’Università Vita-Salute del San Raffaele di Milano, dove è stato anche allievo di Enzo Bianchi e Massimo Cacciari. È stato consulente e consigliere di diverse Istituzioni, tra cui la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero dell’Economia e delle Finanze, il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, l’Agenzia Spaziale Italiana. Tra le sue ultime pubblicazioni: “Le potenze del capitalismo politico. Stati Uniti e Cina” (La Nave di Teseo 2020) e “L’interesse nazionale. La bussola dell’Italia” (con L. Gori, il Mulino 2018). Giuseppe Surdi è Ricercatore del Gruppo di Ricerche Industriali e Finanziarie - GRIF ‘Fabio Gobbo’ presso la LUISS ‘Guido Carli’, con interessi in particolare nell’ambito dell’economia e politica industriale, della regolamentazione e delle politiche infrastrutturali, delle politiche economiche europee, dell’economia dell’energia e dell’ambiente. È membro della redazione de «L’industria - Rivista di economia e politica industriale» edita dal Mulino. È esperto presso il Dipartimento per la programmazione e il coordinamento della politica economica della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Abbonati ora

Seguici