Reti sociali, mondo dell’informazione e compito storico della sinistra
- 06 Dicembre 2017

Reti sociali, mondo dell’informazione e compito storico della sinistra

Scritto da Paolo Furia

13 minuti di lettura

La categoria di «rete» è entrata nella scienza e nel linguaggio comune delle società complesse per descrivere un’innumerevole quantità di fenomeni e campi. Si può in effetti parlare di reti in fisica, biologia, informatica, scienze sociali.

Nel senso più astratto possibile, la rete può essere definita come un insieme di relazioni tra oggetti o persone, in cui gli oggetti o le persone costituiscono i «nodi» e le relazioni gli «archi» di un grafo.

La scienza delle reti è dunque in realtà un modello di matematizzazione della realtà applicabile in linea di principio a tutte quelle dimensioni del reale caratterizzate dalla presenza di attori discreti in relazioni simmetriche o asimmetriche tra loro. Il National Research Council of the United States ha definito la scienza delle reti come «the study of network representations of physical, biological, and social phenomena leading to predictive models of these phenomena»[1].

La scienza delle reti ha avuto un significativo impatto in campo sociale. In particolare, il concetto di rete sembra prestarsi particolarmente alla descrizione dei rapporti sociali in un contesto tardo-capitalista, contraddistinto dall’indebolimento dei gruppi consolidati e delle classi e dalla variabilità delle relazioni possibili tra soggetti.

Tuttavia, il concetto di rete favorisce la comprensione delle relazioni sociali in termini di orizzontalità e cooperazione, mettendo in secondo piano (o direttamente oscurando) la realtà del conflitto e le asimmetrie del legame sociale. Da questo punto di vista, risulta estremamente interessante prendere in considerazione la «rete a invarianza di scala» elaborata dal fisico ungherese Barabási[2], in quanto si tratta di un modello che rende conto della tendenza al consolidamento delle asimmetrie e del potere all’interno di contesti complessi solo apparentemente caratterizzati da orizzontalità. Vediamo di cosa si tratta.

Continua a leggere – Pagina seguente


Indice dell’articolo

Pagina corrente: La scienza delle reti

Pagina 2: Le reti a invarianza di scala, o le asimmetrie delle reti

Pagina 3: La sfida della sinistra nel tempo delle reti


Vuoi aderire alla nuova campagna di abbonamento di Pandora per i numeri 4,5 e 6? Tutte le informazioni qui

Scritto da
Paolo Furia

Paolo Furia, da novembre 2017 è assegnista di ricerca presso l’Università degli Studi di Torino - Dipartimento di Filosofia e Scienze dell’Educazione, cultore della materia in estetica e teoretica. È membro della Società Italiana di Estetica, fa parte del gruppo di ricerca Philosophy of che City e del Fonds Ricœur con sede a Parigi. Da dicembre 2018 è Segretario regionale del PD in Piemonte. Di recente ha pubblicato la monografia “Rifiuto, altrove, utopia. Una fenomenologia estetica del riconoscimento a partire da Paul Ricœur” - Mimesis Edizioni.

Pandora Rivista esiste grazie a te. Sostienila

Se pensi che questo e altri articoli di Pandora Rivista affrontino argomenti interessanti e propongano approfondimenti di qualità, forse potresti pensare di sostenere il nostro progetto, che esiste grazie ai suoi lettori e ai giovani redattori che lo animano. Il modo più semplice è abbonarsi alla rivista cartacea e ai contenuti online Pandora+, ma puoi anche fare una donazione a supporto del progetto. Grazie!

Abbonati ora

Seguici

www.pandorarivista.it si avvale dell'utilizzo di alcuni cookie per offrirti un'esperienza di navigazione migliore se vuoi saperne di più clicca qui [cliccando fuori da questo banner acconsenti all'uso dei cookie]