Le sfide per l’economia italiana: PNRR, produttività e crescita sostenibile
- 20 Dicembre 2021

Le sfide per l’economia italiana: PNRR, produttività e crescita sostenibile

Scritto da Paolo Guerrieri

10 minuti di lettura

Negli scenari post-Covid l’Italia potrebbe conoscere dinamiche economiche ben diverse dal passato. Ed avere un ruolo chiave anche per il futuro dell’Unione Europea. A patto che riesca a rilanciare al proprio interno un processo di crescita stabile e all’insegna della sostenibilità, ambientale e sociale. Il rilancio della crescita è una condizione irrinunciabile dopo il ristagno che ha caratterizzato l’evoluzione della nostra economia negli ultimi venti anni e più.

Determinante sarà l’implementazione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) che è stato approvato dalla Commissione europea nell’ambito del programma NGEU ed è già divenuto operativo. Ma…

Questo contenuto è disponibile solo per gli utenti abbonati

Scritto da
Paolo Guerrieri

Docente alla Paris School of International Affairs dell’Università Sciences-Po di Parigi e alla Business School dell’Università di San Diego, California e consigliere scientifico dell’IAI – Istituto Affari Internazionali. Già Professore ordinario di economia alla Sapienza Università di Roma, Visiting Professor all’Università della California, Berkeley, ULB (Belgio), USD of San Diego, California, Complutense (Madrid), ESADE Business School (Barcellona). È stato Senatore e membro della Commissione Bilancio e della Commissione delle Politiche europee e consulente presso numerose istituzioni e organizzazioni internazionali, tra cui Banca Mondiale, Commissione Europea, OCSE, CEPAL. Tra le sue pubblicazioni ricordiamo la recente: “Partita a tre. Dove va l’economia del mondo” (il Mulino 2021).

Abbonati ora

Seguici