Il ruolo delle classi dirigenti nello sviluppo economico italiano
- 03 Gennaio 2017

Il ruolo delle classi dirigenti nello sviluppo economico italiano

Scritto da

10 minuti di lettura

Formazione e ruolo delle classi dirigenti sono aspetti centrali per la comprensione della storia italiana e della traiettoria economica, di ascesa e poi declino, che il nostro Paese ha attraversato dalla fine dell’Ottocento ai nostri giorni; lo sono anche per le sfide del presente. La classe dirigente (quella parte, generalmente ampia, delle élite che svolge anche azione di indirizzo e governo) è naturalmente espressione che sottintende una realtà eterogenea, dalla definizione non univoca. Schematizzando, possiamo rintracciare in essa tre componenti principali, distinte anche se spesso tangenti o parzialmente sovrapposte: la classe dirigente politica (ministri, parlamentari, dirigenti di…

Questo contenuto è disponibile solo per gli utenti abbonati

Scritto da
Emanuele Felice

Professore ordinario di Politica economica all’Università di Chieti-Pescara e docente di Economic History alla LUISS Guido Carli. È stato Responsabile Economia del Partito Democratico. Laureato in Economia all’Università di Bologna, ha conseguito il dottorato in Storia economica presso l’Università di Pisa e si è poi specializzato alla London School of Economics, la Universitat Pompeu Fabra e la Harvard University. Ha insegnato nelle Università di Bologna, Siena, Siviglia e nella Universitat Autònoma de Barcelona. Tra le sue opere ricordiamo: “Perché il Sud è rimasto indietro” (2013), “Ascesa e declino. Storia economica d’Italia” (2015), “Storia economica della felicità” (2017) e “Dubai, l’ultima utopia” (2020), tutti editi da il Mulino. È editorialista del quotidiano «Domani».

Abbonati ora

Seguici