Gene Sharp, teorico della non violenza
- 21 Febbraio 2019

Gene Sharp, teorico della non violenza

Scritto da Alberto Prina Cerai

8 minuti di lettura

Pagina 2 – Torna all’inizio

Gene Sharp, una vita dedita alla ricerca

Gene Sharp nacque il 21 gennaio 1928 a North Baltimore (Ohio, U.S.A), figlio di un pastore protestante e di una casalinga. Dopo essersi laureato in Social Sciences (BA, 1949) e in Sociology (MA, 1951), conseguì un PhD in Political Theory presso la prestigiosa Università di Oxford nel 1968.  Sin dalla gioventù Gene Sharp si distinse per un’attiva partecipazione studentesca ad organizzazioni religiose, socialiste, pacifiste e antidiscriminatorie. Dopo aver discusso la tesi per il Master of Arts dal titolo Non-violence: A Sociological Study, Sharp si trasferì a New York dove, mantenendosi con lavori saltuari, iniziò a coltivare la sua passione per la figura di Gandhi e la resistenza non violenta. Il prodotto intellettuale di quella ricerca sfociò nel suo primo libro, completato all’età di soli 25 anni nel febbraio del 1953 ed intitolato Gandhi Wields the Weapon of Moral Power. A testimonianza della ricezione e della portata dell’opera – rivoluzionaria nella sua efficace e duplice valenza, storica e teorica – vi fu l’introduzione curata da Albert Einstein, una personalità non poco sensibile agli effetti del controllo coercitivo, agli infausti esiti del dominio totalitario dello Stato e alle recenti scoperte scientifiche a pochi anni dalla fine della Seconda Guerra Mondiale:

«[…] Al processo di Norimberga il seguente principio fu accolto: che la responsabilità morale del singolo non potrà più essere sostituita dalle leggi dello Stato. Possa venire presto il giorno in cui questo principio non sarà meramente applicato a cittadini di una nazione sconfitta! Gene Sharp può aver trovato la forza di completare questo lavoro dalla battaglia interiore che questi quesiti hanno generato»[4]

Si trattò di una vera e propria investitura, intellettuale e morale. È tuttavia difficile capire quanto e se influirono moralità o ideologia nel plasmare il suo lavoro, così come le contingenze storiche in cui Sharp era pienamente immerso – l’inizio della guerra fredda, l’imminente Conferenza di Bandung, il contesto socio-culturale americano. Ciò nonostante, Sharp, tra gli studiosi americani nella disciplina dei conflict studies, è quello che ha avuto più contatti con leader e movimenti non violenti. Pochi mesi dopo la pubblicazione del libro, nell’aprile del 1953, Sharp diede prova della sua militanza e ferma adesione ai principi non-violenti. Pur di non prender parte alla guerra di Corea, il giovane filosofo fu condannato a due anni di carcere per aver rifiutato la coscrizione militare. Una decisione che aveva preso coscientemente, contando sulla stima e l’appoggio di Einstein come testimoniato da una serie di corrispondenze private. Uscì di prigione nove mesi più tardi. Tornato in libertà lavorò come segretario personale di A. J. Muste (1885-1967), uno dei padri fondatori del movimento pacifista e non violento americano. In seguito, la sua formazione proseguì in Europa. Prima a Londra, dove svolse attività redazionale per il più importante periodico non violento britannico, Peace News, dal 1955 al 1958 per poi trasferirsi in Norvegia. Presso l’Università di Oslo fu per alcuni mesi research fellow su invito dell’Institute for Philosophy and the History of Ideas, tenendo lezioni e svolgendo ricerche sulla non violenza. Nel successivo biennio divenne ricercatore e borsista presso l’Institute of Social Research, dove intraprese un percorso di approfondimento cercando di estrapolare dalle vicende storiche leggi generali e metodi di resistenza non violenta. Si appoggiò, naturalmente, sull’esperienza del Mahatma Gandhi durante la lotta per l’indipendenza dall’Impero Britannico, oltre a sviscerare gli archivi norvegesi per documentarsi sulla strenua resistenza della popolazione nordica durante l’occupazione nazista. Più la sua ricerca si affinava, più venivano confermate le sue convinzioni e aspirazioni sulla bontà e originalità del suo lavoro, evidenziando come per troppo tempo i metodi della lotta non violenta fossero stati negletti e persino sottovalutati in un’ottica storica globale.

Da quel periodo «europeo» la sua presenza e postura nel mondo accademico anglosassone è stata sempre più consistente ed intensa. Ricoprì ruoli di spicco in numerose istituzioni accademiche americane, come la University of Massachusetts, la Boston University e il Center for International Affairs di Harvard. Rientrato ad Oxford, completò il dottorato presso la Faculty of Social Studies. La sua tesi, in teoria politica, era composta da ben 1500 pagine e sarebbe diventata il lascito principale del suo pensiero: The Politics of Nonviolent Action. A Study in the Control of Political Power. L’immensa opera venne pubblicata nel 1973. Nella sua introduzione al libro, il Professore – e suo mentore ad Harvard – Thomas C. Schelling scrisse che la violenza ottiene notevole attenzione, ma la violenza intenzionale, la violenza politica, raramente riceve «la precisione data all’azione non violenta come in quel libro». L’azione violenta e non violenta andrebbero confrontate in termini di «raggiungimento di obiettivi politici e di costi per perseguirli». Schelling, infatti, riconobbe la capacità di Gene Sharp di comprendere la vera differenza tra violenza politica e azione non violenta: entrambe «puntano ad influenzare un comportamento», ma mentre la prima si affida a metodi coercitivi, cercando di «intimidire le persone – ampi gruppi di seguaci o leaders, cittadini comuni o funzionari» senza preoccuparsi delle conseguenze di tale metodo, la seconda utilizza «differenti tecniche» per perseguire lo stesso scopo: cercare di persuadere le persone ad agire o prevenire certe azioni. «Entrambe possono essere fraintese o applicate scorrettamente. O utilizzate per scopi malvagi», aggiunse il professore. Tuttavia, «disciplina, command and control; intelligence circa l’avversario; scelta accurata delle armi, obiettivi, terreno e tempo dello scontro; e, specialmente, evitare di ricorrere all’impeto, a provocazioni violente senza motivo, sono essenziali per il suo successo»[5].

La ricezione internazionale dell’imponente saggio fu notevole, testimoniata dalla traduzione in moltissime lingue. Estratti dell’opera furono addirittura pubblicati sulla rivista polacca Annex, di proprietà del movimento Solidarnosc, all’epoca stampata a Londra e diffusa solo clandestinamente in Polonia per via della repressione della nomenklatura comunista del Generale Wojciech Jaruzelski. Divenne in breve tempo un ‘classico’ del pensiero non violento. Seguirono altre importanti pubblicazioni. Making Europe Unconquerable (1985), un libro illuminante sulle potenzialità di una ‘difesa nazionale civile’ per l’Europa Occidentale con un importante commento di George F. Kennan. Civilian-Based Defense: A Post-Military Weapons System (1990), un manuale per mostrare come tecniche di non cooperazione non violenta e resistenza civile possano essere utili deterrenti e strategie per abbattere golpe o invasioni esterne[6]. Il volume fu addirittura adottato tra il 1991 e il 1992 dai governi neo-indipendenti di Estonia, Lituania e Lettonia per prepararsi ad eventuali colpi di coda sovietici[7]. «Preferirei avere questo libro piuttosto che la bomba atomica», commentò il direttore generale della Difesa lituana, Audrius Butkevicious[8]. Su richiesta degli attivisti per la democrazia in Birmania, Sharp si introdusse illegalmente nel Paese dove tenne seminari e lezioni sulla lotta non violenta a studenti e ai combattenti ribelli Karen. Nonostante alcune perplessità iniziali, l’esperienza in Estremo Oriente lo indusse a pubblicare un pamphlet maneggevole e riassuntivo delle tecniche di lotta non violenta. From Dictatorship to Democracy (1993) avrebbe fatto il giro del mondo, tradotto in 34 lingue, alimentando così le speculazioni più fantasiose intorno alla sua figura ormai globalmente riconosciuta.

Torna all’inizio


[4] Albert Einstein, citato da., Gene Sharp, Gandhi Wields the Weapon of Moral Power. Three Case Histories, Ahmedabad, Navajivan Publishing House, 1960, pp. v-vi.

[5] Thomas C. Schelling citato in., Gene Sharp, The Politics of Non Violent Action, Boston, Porter Sargent, 1973; l’edizione italiana è stata suddivisa in tre volumi editi in annate differenti, Id., Potere e lotta, Torino, Edizioni Gruppo Abele, 1985; Le tecniche, Torino, Edizioni Gruppo Abele, 1986; La dinamica, Torino, Edizioni Gruppo Abele, 1997.

[6] Nel 1990 Gene Sharp fece da consigliere al ministro della Difesa svedese, vedi ‘Non Violent Sanctions’, «News From the Albert Einstein Institution», Vol. II, No. 3 (Winter 1990/91), pp. 1-2.

[7] M. Spencer, The Russian Quest for Peace and Democracy, Lanham, Lexington Books, 2010, p. 217.

[8] https://www.rightlivelihoodaward.org/laureates/gene-sharp/


Vuoi aderire alla nuova campagna di abbonamento di Pandora? Tutte le informazioni qui

Scritto da
Alberto Prina Cerai

Dopo le lauree all’Università di Torino e all’Università di Bologna, ha svolto un periodo di ricerca presso il King’s College di Londra. Ha completato in seguito un Corso Executive in Affari Strategici presso la LUISS School of Government, una PhD Summer School con Politecnico di Milano-EIT Raw Materials su materiali critici ed economia circolare ed un Master con la Società Italiana per l'Organizzazione Internazionale (SIOI). Attualmente svolge attività di consulenza e analisi, oltre a collaborare con Luiss University Press. Si interessa dell’intersezione tra materie prime, tecnologia, ambiente e geopolitica.

Pandora Rivista esiste grazie a te. Sostienila

Se pensi che questo e altri articoli di Pandora Rivista affrontino argomenti interessanti e propongano approfondimenti di qualità, forse potresti pensare di sostenere il nostro progetto, che esiste grazie ai suoi lettori e ai giovani redattori che lo animano. Il modo più semplice è abbonarsi alla rivista cartacea e ai contenuti online Pandora+, ma puoi anche fare una donazione a supporto del progetto. Grazie!

Abbonati ora

Seguici