Proporzionale e Mitbestimmung: alcune note sulla democrazia tedesca

legge elettorale

Nel dibattito pubblico degli ultimi giorni si è discusso molto di come dovrebbe essere la legge elettorale. Fra le varie proposte, quella che attualmente ha guadagnato più spazio è quella del cosiddetto “proporzionale alla tedesca”, considerato come un ottimo esempio di legge che garantisce un buon equilibrio fra rappresentatività e governabilità. Tuttavia, in questo dibattito si tende a vedere la legge elettorale come un qualcosa di separato da tutto il resto, interpretandola più come un’istituzione che stabilisce meramente le modalità di un’elezione, senza prendere in esame quelli che sono i legami fra questa istituzione e tante altre. In questo articolo, prendendo spunto proprio da un dibattito pubblico che si è concentrato su questo modello, verrà proposta una panoramica sulla democrazia tedesca, in particolare sui legami fra il sistema politico e quello del governo d’impresa e delle relazioni industriali, cercando di fare luce sul perché in Italia la “democrazia renana” non abbia mai smesso di suscitare interesse.

Co-determinazione e stakeholding

Le caratteristiche principali del modello tedesco sono abbastanza note. Tuttavia, è interessante osservare le strategie d’impresa applicate all’interno delle aziende tedesche. Alla base del modello di stakeholding, vi è un’idea molto specifica del concetto di impresa che in Germania appare molto solida. Tale idea è quella dell’impresa come “entità sociale” che, basandosi su dei valori fondamentali e su una determinata concezione di ordine morale all’interno di una società, vede le imprese come delle istituzioni sociali che formano la nostra identità e non sono solo delle alleanze contrattuali per una temporanea ricerca di profitti. Il “valore intrinseco” dell’azienda viene giustificato poiché sarebbe moralmente giusto, non dipenderebbe da variabili “concrete” ma si baserebbe invece su emotional faith e social belief. L’entità più collettiva che individuale delle imprese tedesche fa sì che i dirigenti debbano tutelare gli interessi di tutti gli stakeholder. Ne consegue che il mercato non possa essere l’unico strumento per la gestione delle relazioni tra management e dipendenti o delle relazioni tra imprese. L’intervento legale per risolvere fallimenti di mercato, costi di transazione o dispute e conflitti d’interesse diventa necessario, così come diventa necessario un sistema che possa garantire bilanciamento nella gestione dell’azienda. Tale bilanciamento prende forma in due modi: concentrazione della proprietà e rappresentanza dei lavoratori

In Germania le relazioni tra imprese e proprietari sono caratterizzate da grandi azionisti (in alcuni casi uno solo) che seguono motivazioni principalmente strategiche quando decidono di acquistare le azioni di un’impresa (anziché concentrarsi sulla massimizzazione del valore azionario). Secondo Seibert il 90% delle aziende tedesche ha al suo interno un azionista che possiede almeno il 10% dell’azienda. Gli investitori che possono avere interessi strategici detengono il 57% delle azioni su tutto il mercato azionario, tali investitori sono banche, soggetti provenienti dal settore pubblico e altre imprese. Allo stesso tempo la forza lavoro gode di un forte potere di voice tramite la contrattazione e la co-determinazione (Mitbestimmung), tramite la formazione dei consigli del lavoro e dei consigli di sorveglianza[1]. I consigli del lavoro vengono chiamati in causa quando bisogna prendere decisioni su temi specifici che influenzano direttamente le condizioni lavorative, come ad esempio la riduzione dell’orario lavorativo e gli straordinari, le condizioni economiche, il pagamento dei bonus, ma anche l’introduzione di nuove tecnologie. In tutti questi casi gli interessi dei lavoratori vengono rappresentati dai consigli del lavoro. Nei consigli di sorveglianza invece vengono prese decisioni strategiche come investimenti importanti, fusioni e acquisizioni, politica in materia di dividendi, cambiamenti nella struttura del capitale e nomina dei top manager. Anche in questa sede i lavoratori hanno i propri rappresentanti che lavorano a stretto contatto con i consigli del lavoro e i rappresentanti sindacali, perciò non vanno visti come rappresentanti isolati.

Mark J. Roe, autore di un libro sulle “determinanti politiche della corporate governance” sostiene che l’efficacia di un particolare modello di governo d’impresa vada misurata in relazione al proprio contesto istituzionale. Nella sua analisi, Roe scompone l’impresa in tre componenti: proprietà, management e forza lavoro, affermando che per poter essere produttiva, un’azienda debba minimizzare il conflitto sociale[2] fra questi tre attori. Nello specifico, il conflitto sociale, che spesso coinvolge proprietari manager e lavoratori, porta a compromessi politici che possono determinare la struttura di una delle componenti fondamentali dell’impresa. L’idea è che la politica possa determinare, ad esempio, una particolare struttura della forza lavoro, la quale sarebbe compatibile solo con una particolare struttura del management e della proprietà. Ad esempio, la co-determinazione richiede una proprietà concentrata poiché tanti azionisti che possiedono piccole quote di un’impresa farebbero più fatica a confrontarsi con il labor block. Tuttavia, se è possibile che la politica determini una tale strutturazione del governo d’impresa, è logico pensare che la struttura della politica stessa debba mettere i policy marker nelle condizioni di poter effettivamente prendere le decisioni più adatte all’impalcatura istituzionale del regime di produzione. Per questo motivo, viene presentata una descrizione generale del sistema politico tedesco, evidenziandone le principali analogie con il governo d’impresa e le relazioni industriali.

Continua a leggere – Pagina seguente


Indice dell’articolo

Pagina corrente: Co-determinazione e stakeholding

Pagina 2: Democrazia non-maggioritaria e complementarietà istituzionali

Pagina 3: L’equilibrio “renano”


Vuoi aderire alla nuova campagna di abbonamento di Pandora per i numeri 4,5 e 6? Tutte le informazioni qui

Laureato magistrale in Scienze Internazionali e Diplomatiche presso l'Università di Bologna con una tesi su "Globalizzazione e varietà di capitalismo: processi di specializzazione istituzionale in Regno Unito e Germania". Attualmente è dottorando in Sociologia e Ricerca Sociale presso la stessa università. Ha frequentato un Master in Human Resources and Organization presso la Bologna Business School.

Comments are closed.