“Costituzione italiana: articolo 3” di Mario Dogliani e Chiara Giorgi

Costituzione articolo 3

Recensione a: Mario Dogliani, Chiara Giorgi, Costituzione italiana: articolo 3, Carocci, Roma 2017, pp. 180, 13 euro (scheda libro).


Perché leggere la Costituzione? A 70 anni dall’entrata in vigore del testo costituzionale è necessario invitare a leggere e parlare della Costituzione per allontanarci dal mero elogio, spesso fine a se stesso, e per ragionare in maniera più ampia sullo stato di salute del sistema costituzionale italiano.

È necessario prima di tutto fare il punto sulla tenuta e sull’attualità della Costituzione, partendo dai diritti fondamentali che reggono l’assetto istituzionale, ovvero i 12 principi, ai quali è dedicata la prima parte della Costituzione con il fine di sottolineare il ruolo determinante che sono chiamati ad esercitare nel nuovo ordinamento.

Essi sono parte integrante delle 139 norme della legge fondamentale della Repubblica Italiana e per questo – come fu ripetutamente detto in Assemblea – «delineano il volto della Repubblica».

Tra queste, in questo saggio ci concentreremo sull’articolo 3, che è al centro del libro di Mario Dogliani e Chiara Giorgi, che si inserisce in una serie di pubblicazioni che Carocci ha voluto rivolgere ai primi articoli della Carta Costituzionale e di cui Pandora ha recensito anche i volumi dedicati ad articolo 2articolo 4 e articolo 5.

Nel primo comma l’articolo 3 sancisce il principio di uguaglianza formale, ovvero l’uguaglianza di tutti i cittadini davanti alla legge, mentre nel secondo comma si sancisce il principio di uguaglianza sostanziale, ovvero di fatto. Il testo recita che

«Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.

È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese».

Continua a leggere – Pagina seguente


Indice dell’articolo

Pagina corrente: Il principio di uguaglianza

Pagina 2: Dall’uguaglianza formale a quella sostanziale: un processo storico e sociale

Pagina 3: Articolo 3: diritti sociali e le disuguaglianze di fatto

Pagina 4: Conclusioni


Si veda anche:

“Costituzione italiana: articolo 2” di Maurizio Fioravanti

“Costituzione italiana: articolo 4” di Mariuccia Salvati

“Costituzione italiana: articolo 5” di Sandro Staiano


Vuoi aderire alla nuova campagna di abbonamento di Pandora? Tutte le informazioni qui

Classe 1995, modenese. Studia Giurisprudenza presso l'Università di Modena e Reggio Emilia. Consigliera comunale a Modena. S'interessa perlopiù di politica italiana, estera e storia contemporanea.

Comments are closed.