“Trump e la fine dell’american dream” di Sergio Romano

Trump

Recensione a: Sergio Romano, Trump e la fine dell’american dream, Longanesi, Milano 2017, pp. 128, 18 euro (scheda libro).


È trascorso esattamente un anno da quando, quella notte dell’8 novembre 2016, il mondo intero aveva scoperto, con stupore e buona dose di preoccupazione, la fragilità della democrazia americana. L’elezione di Donald J. Trump ha segnato, insieme alla Brexit, un anno nefasto per la stabilità dell’Occidente, assediato da un’ondata di nazionalismi, riflussi sovranisti e populismi incalzanti. È dunque lecito domandarsi quali cause abbiano portato la più grande democrazia del mondo a voltare pagina o forse, non troppo metaforicamente, a stracciare il capitolo scritto non senza sbavature da Barack Obama[1]. Due figure talmente inconfrontabili, per valori, credenze e visioni del mondo da esigere una spiegazione logica nella lettura di una parabola politica destinata a alterare gli equilibri internazionali.

Spiegare l’ascesa di Donald Trump significa riflettere sull’uomo, sull’imprenditore che ha conquistato parte di un elettorato ostile nei confronti dell’amministrazione democratica, osservare un trend globale che espone fratture socio-economiche latenti e guardare al declino di un impero, quello statunitense, sempre più incapace di contenere aporie interne che ne avvelenano tanto la politica domestica quanto la reputazione internazionale.  Sergio Romano, nel libro edito da Longanesi, ci offre alcune chiavi di lettura per una prima valutazione della neoeletta amministrazione repubblicana e alcuni spunti per capire chi è realmente Donald Trump e quale potrà essere l’impatto della sua personalità nel tracciare il percorso di una presidenza già zoppicante.

Continua a leggere – Pagina seguente


Indice dell’articolo

Pagina corrente: Trump e la fine dell’american dream

Pagina 2: Donald J. Trump, il populismo nazionalista e la disillusione dell’universo liberal

Pagina 3: Trump, la Russia e un’improbabile leadership internazionale

Pagina 4: Due Americhe, due concezioni del mondo. Quale il futuro della democrazia americana?


Vuoi aderire alla nuova campagna di abbonamento di Pandora per i numeri 4,5 e 6? Tutte le informazioni qui

Nato a Biella, laureato in Scienze Strategiche presso l’Universita degli Studi di Torino nel 2015. Studia Storia Contemporanea a Bologna, interessato di Storia della politica estera americana, geopolitica e storia militare.

Comments are closed.